Viaggio Vacanza | articoli
Articoli su viaggi, destinazioni, accessori e curiosità
Torna a tutti gli > articoli
 

In vacanza con le tartarughe Caretta Caretta nell’oasi nido in Salento

A Torre dell Orso, nel Salento, i turisti più fortunati possono avere il privilegio di godere dello spettacolo della schiusa delle uova e ammirare le piccole testuggini fuoriuscire dal bagnasciuga e correre verso il mare.

Tartaruga caretta caretta

Risale al mese scorso, il 29 giugno, l’affascinante notizia della deposizione delle uova di una tartaruga Caretta Caretta, splendido esemplare marino che abita le coste del Salento, nella baia di Torre dell'Orso, marina di Melendugno, in provincia di Lecce.

La tartaruga ha scelto come nido per le sue uova la spiaggia dello stabilimento balneare La Kueva, uscendo dall’acqua durante la notte. La Guardia Costiera di Otranto ha, dunque, contattato gli operatori del Centro di Recupero Tartarughe marine del Museo di Storia Naturale di Calimera, che hanno prontamente messo in sicurezza l'area, supportati dagli uomini della Capitaneria, monitorandola costantemente fino alla schiusa delle uova.

Nell’ultimo anno, inoltre, nelle aree marine protette di Porto Cesareo, nel leccese, e di Torre Guaceto, nel brindisino, sono state salvate 10 tartarughe marine, all’interno di un progetto che ha coinvolto i pescatori nella salvaguardia degli equilibri naturali, con l'urgenza di contenere i danni da intrusione nell'ambiente marino.

Da anni, infatti, nel Salento, l’uomo crea delle protezioni attorno alle nidiate, per assicurare alla tartaruga Caretta Caretta che popola il mare salentino, di moltiplicare la specie in un habitat sicuro, lontana dai rischi legati alla sua permanenza sulla terraferma. Si tratta dell’esemplare di tartaruga più comune del Mar Mediterraneo, ma a rischio estinzione, poiché fortemente minacciate in tutto il bacino del Mediterraneo.

Restando in materia di protezione e salvataggio degli esemplari, i pescatori si occupano di recuperare le tartarughe rimaste impigliate nelle reti da pesca, per poi affidarle agli operatori dell'Area marina protetta locale. La tartaruga ferita viene portata nel Centro recupero tartarughe marine dell'area Marina protetta di Torre Guaceto, viene curata e, dopo essere guarita, viene liberata nel mare di Porto Cesareo.

 

Vacanze alla scoperta delle tartarughe nel Salento

La tutela dell’ambiente e degli animali e la conseguente salvaguardia del territorio e della fauna che lo abita, attira ogni anno gli amanti della natura e degli animali. È molto in voga, infatti, organizzare vacanze nelle località ioniche, habitat naturale per la deposizione e schiusa delle uova delle famose tartarughe Caretta Caretta.

Queste tartarughe riescono a ritrovare la spiaggia in cui sono nate anche dopo migrazioni di migliaia di chilometri, quasi come se riuscissero a memorizzare le coordinate geografiche, e lì vanno a deporre le uova in estate, creando il proprio nido sulle spiagge del Salento.

I turisti più fortunati, dunque, possono avere il privilegio di godere dello spettacolo della schiusa delle uova e ammirare le piccole testuggini fuoriuscire dal bagnasciuga e correre verso il mare. Si raccomanda di non avvicinarsi alle tartarughine e di non catturarle, ma di lasciarle libere di raggiungere il loro habitat marino, per consentire la continuazione della specie caretta-caretta e scongiurarne l’estinzione.

Come detto in apertura, la spiaggia di Torre dell’Orso è stata l’ultima recente culla per la nascita delle tartarughine caretta caretta. Il mare di Torre dell'Orso è stato più volte insignito del riconoscimento Bandiera Blu d’Europa, uno dei mille motivi che la elegge tra le mete turistiche e balneari più gettonate del Salento, con le caratteristiche case vacanze Torre dell’Orso in cui alloggiare a due passi dal mare.

Torre dell'Orso è una frazione di Melendugno e la sua costa è ricca di insenature sabbiose color argento, circondata da alte scogliere; vanta un mare reso limpido dalle correnti del canale d'Otranto.

Lo scorso anno, invece, è stato scoperto un nido di Caretta Caretta a Porto Cesareo, un porto naturale che si affaccia sull'Isola dei Conigli, designato tra i posti più belli della costa jonica puglise.

La marina di Porto Cesareo ospita il Museo ittico, tappa fondamentale per gli amanti del mare e della sua fauna, nel quale sono custodite specie rare di pesci e altri esemplari marini, la stazione di Biologia Marina e il Museo Talassografico, che ricostruisce tratti di costa e fondali al suo interno, per conoscere in maniera approfondita il patrimonio marino della costa jonica.

Le spiagge di Porto Cesareo sono circondate da dune di sabbia bianchissime e la costa si estende per oltre 17 chilometri.

Molto caratteristico è il mercato del pesce fresco che ogni mattina viene allestito sul molo della riviera di Ponente di Porto Cesareo.

 

 

Torna all'elenco degli > articoli



Viaggio-Vacanza | Copyright 1993-2021 | Tutti i Diritti Riservati.