Viaggio in Australia Occidentale da Perth a Broome e nel Kimberly

9-30 Maggio 2017

° ° °

Itinerario consigliato in Australia Occidentale
| Informazioni Australia Occidentale
| Foto Australia Occidentale
| Contatti e Copyright
| English


° ° °

  

 

IL NOSTRO ITINERARIO IN AUSTRALIA OCCIDENTALE

Itinerario consigliato in Australia Occidentale

° ° °

INFORMAZIONI E GUIDA DI VIAGGIO AUSTRALIA OCCIDENTALE

COSA VEDERE IN AUSTRALIA OCCIDENTALE?

L'Australia Occidentale o Western Australia è un vastissimo territorio, grande quasi quanto l'Unione Europea, e rappresenta la frontiera meno esplorata e meno turistica di tutta l'Australia. Leggendo articoli o guardando documentari dedicati all'Australia, sentirete difficilmente parlare di luoghi come Karijini, Shark Bay o Purnululu, destinazioni poco conosciute ma non per questo meno affascinanti rispetto alle attrazioni turistiche più famose dell'Australia. Un viaggio in Western Australia è particolarmente consigliato agli amanti della natura, dei paesaggi estremi e della geologia, mentre, a parte la capitale Perth, non troverete grandi città o centri commerciali dove fare shopping sfrenato, o dove trascorrere del tempo nei locali notturni. In Western Australia ci sono quasi tutti gli animali che è possibile trovare nel resto dell'Australia, più alcune specie endemiche, come ad esempio il simpaticissimo quokka, mentre non troverete i koala i quali preferiscono invece le foreste di eucalipto delle regioni più orientali. Le maggiori attrazioni nel Western Australia sono:

  • La capitale Perth, Fremantle e le isole al largo di queste città. Per motivi logistici e per la maggiore disponibilità di voli e collegamenti, quasi tutti i viaggi in Australia Occidentale inizieranno e/o termineranno a Perth. Quindi, perché non approfittare per visitare questa città? Per la sua posizione geografica, Perth è una delle capitali più isolate del mondo: non ci sono grandi reperti storici, ma il centro è interessante per l'architettura moderna, mentre Kings Park ha un vasto orto botanico che raccoglie rare specie endemiche dell'Australia. Fremantle è una cittadina in stile coloniale dove non dovrebbe mancare una visita presso il carcere ormai dismesso, mentre l'isola Rottnest offre bellissime spiagge in un ambiente libero dalle automobili.

  • Il Deserto dei Pinnacoli. Ad un paio di ore di strada da Perth, il Deserto dei Pinnacoli offre un interessante sguardo nel passato geologico della regione, dove grandi pinnacoli di argilla si innalzano dalla sabbia color ocra. Lungo la via, una sosta presso Lancelin, permette di provare l'ebrezza di scivolare con una tavola lungo grandi dune di sabbia bianca.

  • Parco Nazionale di Kalbarri. Questa area protetta copre un tratto di costa ed una rete di bellissimi canyon nell'entroterra, dove antiche rocce scolpite da milioni di anni di erosione sapranno affascinare chi ama i paesaggi estremi.

  • Shark Bay. Si tratta di una grande baia delimitata da vaste spiagge di sabbia bianca e da una immensa spiaggia formata solo da miliardi e miliardi di piccole conchiglie bianche. Shark Bay è uno dei pochissimi luoghi al mondo dove osservare le stromatoliti vive, con la fauna marina che include anche delfini e dugonghi.

  • Coral Bay ed Exmouth. Procedendo sempre più a nord, dopo aver attraversato il Tropico del Capricorno, Coral Bay ed Exmouth offrono fantastiche spiagge non lontane dalla barriera corallina di Ningaloo, conosciuta per l'enorme biodiversità che comprende squali balena, mante, infinite tartarughe marine, squali martello e tanti coralli. L'entroterra invece offrirà la possibilità di incontrare canguri rossi ed altre specie endemiche, in un paesaggio fatto di dune di sabbia e terra rossa.

  • Parco Nazionale di Karijini. Probabilmente una delle zone più spettacolari dell'Australia, con canyon scavati dentro rocce vecchie di 2,5 miliardi di anni, cascate e piscine naturali. Le camminate tra i vari sentieri sono un po' impegnative, ma si viene ripagati con un paesaggio unico nel suo genere.

  • La regione del Kimberly. Con il suo reef devoniano, il Kimberly sembra una via di mezzo tra una savana africana ed un atollo del Pacifico. Qua, barriere coralline antiche di 400 milioni di anni, emergono da una pianura che si trova a centinaia di chilometri dal mare, per quello che un tempo non era altro che il fondale di un oceano. Windjana Gorge, Geikie Gorge, le grotte di Mimbi ed infinite altre attrazioni, vi terranno impegnati per giorni.

  • Purnululu ed i Bungle Bungles. Scoperti solo di recente, i Bungle Bungles sono formazioni rocciose a forma di cupola, dalla superficie a strisce nere ed arancioni, dal passato e dalla "biologia" molto interessante. Una serie di strette spaccature nelle rocce, permettono di addentrarsi nel cuore delle montagne.

  • Le Cascate Orizzontali e l'Arcipelago Buccaneer. A meno che non abbiate molti giorni a disposizione, l'unico modo per visitare queste attrazioni è volandoci sopra in aereo da Broome, tra paesaggi indimenticabili ed unici nel loro genere.

Queste sono solo alcune delle attrazioni in Australia Occidentale, che per essere apprezzate in pieno, richiederebbero un viaggio di un mese. Volendo visitare anche le regioni più meridionali del Western Australia, caratterizzate da belle spiagge, laghi rosa ed antiche foreste, il tempo necessario aumenta vertiginosamente. Degna di nota, ad est di Perth, è anche la Wave Rock, una curiosa formazione rocciosa a forma di onda increspata, che però richiede una lunga deviazione dalla maggior parte degli itinerari.

COME ARRIVARE IN AUSTRALIA OCCIDENTALE?

Generalmente, gli itinerari di viaggio in Australia Occidentale iniziano a Perth, per terminare a Broome oppure a Darwin (ovviamente il percorso può essere anche inverso). Perth si raggiunge dall'Italia piuttosto comodamente, in genere con un solo cambio in Medio Oriente oppure nel Sud Est Asiatico: il viaggio è lungo, ma non come arrivare a Sydney o Melbourne. Se il tour in Western Australia termina a Broome o Darwin, si può rientrare a Perth in aereo (chiudendo così "il cerchio") oppure, nel caso di Darwin, si può sperare in qualche volo diretto verso un hub da dove poi parte il volo per l'Italia, risparmiando così svariate ore di viaggio. Vista la durata del volo, se una volta atterrati a Perth desiderate trovare un autista che vi aspetta e che vi porta in hotel, senza dover cercare un taxi o prendere i mezzi pubblici (presumibilmente sarete un po' stanchi), è possibile prenotare un trasferimento da Perth Aeroporto a Perth o Fremantle direttamente on-line.

SI PUO' ANDARE IN AUSTRALIA IN AUTONOMIA, OPPURE E' MEGLIO IN GRUPPO?

L'Australia è una destinazione sicura, le persone sono cordiali e disponibili, mentre la criminalità è un fenomeno in gran parte sconosciuto, condizioni che sicuramente incoraggiano a viaggiare in modo indipendente. Non bisogna però sottovalutare le problematiche relative all'ambiente estremo ed alle enormi distanze che separano i maggiori punti di interesse: distanze che spesso sono riempite solo da un arido deserto, dove può essere difficile gestire eventuali emergenze. Anche se l'Australia è un paese industrializzato, con un buon livello di qualità della vita ed ottimi servizi, non bisogna dimenticare che soltanto una esigua parte del continente è abitato e che tutto il resto è in mano ad una natura selvaggia, spesso tutt'altro che clemente. Un altro aspetto da non sottovalutare, è il costo della vita e dei servizi: a parte il carburante, tutto il resto costa fino a 3 volte in più rispetto all'Italia (almeno al cambio in vigore nel 2017) e viaggiare in gruppo permetterebbe di abbattere di molto le spese, le quali verrebbero "spalmate" su un numero maggiore di partecipanti.

In linea di massima, se siete un piccolo gruppo di amici e l'itinerario comprende strade "ufficiali" ed asfaltate, sicuramente si può prendere in considerazione di andare per conto proprio, con un giusto compromesso a livello di costi e di sicurezza. Al contrario, se viaggiate soli oppure se volete visitare luoghi particolarmente remoti (già un "semplice" trekking a Karijini è fortemente sconsigliato in solitaria), è certamente meglio aggregarsi ad un gruppo. Molti sono i tour operator che offrono itinerari più o meno articolati in Western Australia, con diverse fasce di prezzo a seconda dei servizi: il viaggio illustrato in questo reportage, è stato effettuato con Adventure Tours Australia a bordo di un mezzo adatto a tutti i tipi di strade, dalla capacità massima di 20 persone, pernottamenti in ostelli o tende e totale autosufficienza riguardo ai viveri.

QUANTO TEMPO CI VUOLE PER VISITARE L'AUSTRALIA OCCIDENTALE?

Probabilmente una delle prime difficoltà che sorgono quando si decide di andare in Australia, è proprio quella relativa al tempo, in quanto il paese è assolutamente inadatto ad una vacanza "mordi e fuggi", sia per le distanze enormi che separano le varie attrazioni, sia per il costo in termini di tempo e di soldi, da sostenere già solo per arrivare dall'Italia al punto di partenza del tour (normalmente Perth, Broome o Darwin). Una volta superato lo "shock" dei due giorni di viaggio necessari per andare ed altrettanti per tornare in Italia, occorre definire l'itinerario da seguire una volta sul posto. Per un viaggio classico che copre Perth e dintorni, prima di proseguire verso nord su Kalbarri, Shark Bay, Coral Bay, Exmouth, Karijini e Broome, bisognerebbe mettere a preventivo un minimo di 15 giorni pieni ed effettivi. Se poi, una volta arrivati a Broome, volete visitare anche la regione del Kimberly, nel nord dell'Australia Occidentale, bisogna aggiungere tra 6 e 12 giorni, a seconda delle attrazioni che interessano (sicuramente non deve mancare il reef devoniano e Purnululu / Bungle Bungles).

Gran parte dei tour organizzati, prevedono la tempistica indicata. Altri tour invece, specialmente per la parte che va da Perth a Broome, tendono a "tagliare" del tempo tra Shark Bay, Coral Bay ed Exmouth, riducendosi a 10 o 11 giorni, ma prevedendo un solo giorno libero presso ciascuna delle tre destinazioni appena citate. Questo può essere accettabile durante l'estate Australe, ma in inverno, tra maggio e settembre, il periodo migliore per osservare lo squalo balena e l'altra fauna marina, viene sostanzialmente imposto di scegliere se fare una escursione overland per godersi paesaggio e canguri, oppure se andare a nuotare lungo la barriera corallina, senza alcuna possibilità di partecipare ad entrambe le attività.

QUALE E' IL PERIODO MIGLIORE PER ANDARE IN AUSTRALIA OCCIDENTALE?

Generalmente si va in Australia Occidentale per i paesaggi, la natura e per stare molte ore all'aria aperta: è quindi normale voler fare il viaggio quando le condizioni meteorologiche sono più favorevoli per le escursioni. Bisogna però essere consapevoli che lo stato dell'Australia Occidentale è vastissimo, pertanto la stagione migliore per viaggiare dipende anche dalle regioni che si desiderano visitare e che, in linea di massima, non esiste un periodo migliore in assoluto adatto indistintamente per tutto lo stato. Vediamo quindi quale è il periodo migliore per andare in Australia Occidentale, località per località:

  • Periodo migliore per andare a Perth e dintorni: le città di Perth e Fremantle, nonché le isole nelle immediate vicinanze della costa, ricevono la maggior parte delle precipitazioni durante l'inverno australe, indicativamente tra maggio e settembre, quando le temperature sono fresche, ma mai gelide. Durante l'estate australe il clima è più secco, ma le temperature diurne possono essere poco confortevoli, sebbene mai estreme. Il periodo migliore per visitare Perth, quando esiste un buon compromesso tra temperatura e piovosità, è probabilmente l'autunno, intorno aprile, e la primavera tra settembre ed ottobre, quando si possono osservare anche numerosi fiori selvatici.

  • Periodo migliore per andare a Shark Bay, Coral Bay ed Exmouth: la stagione migliore per visitare Shark Bay, Coral Bay ed Exmouth, località che si trovano lungo le sponde dell'Oceano Indiano, va indicativamente da settembre ad aprile, quando le temperature sono più adatte ad una vacanza balneare e quando la piovosità è statisticamente ai minimi, sebbene questo periodo possa essere piuttosto ventilato. Se desiderate invece osservare lo squalo balena, occorre andare in inverno, tra maggio e settembre, quando comunque sia la piovosità e sia le temperature sono compatibili con una vacanza al mare ed il vento è più calmo.

  • Periodo migliore per visitare Kalbarri: questo parco nazionale presenta un clima caratterizzato da estati asciutte e caldissime tra dicembre e marzo ed inverni più umidi ma miti, con notti fresche, tra giugno e settembre. La stagione migliore per visitare Kalbarri è quindi quella di transizione tra fine marzo e inizio maggio, o tra ottobre e novembre. Gli appassionati di botanica, troveranno invece molti fiori durante l'inverno, in particolare tra luglio ed agosto.

  • Periodo migliore per visitare Karijini: il Parco Nazionale di Karijini si trova vicino al Tropico del Capricorno, ai margini del grande deserto che occupa gran parte del continente australiano. I trekking all'interno dei canyon presentano un grado di difficoltà a volte piuttosto alto, soprattutto per le rocce in prossimità dei precipizi che, dopo una pioggia, diventano ancor più scivolose. Il periodo meno piovoso (che in realtà è quasi completamente asciutto) corrisponde all'inverno australe, tra i mesi di giugno ed inizio novembre, tuttavia, in questo stesso periodo le temperature notturne possono essere rigide con frequenti gelate, aspetto da non sottovalutare, visto che si pernotterà quasi certamente in tenda (caratteristica particolarmente presente a giugno, luglio e agosto). Viaggiare durante l'estate australe è comunque sconsigliato per le altissime temperature che si raggiungono di giorno e per la maggiore probabilità di pioggia. Il mese migliore per andare a Karijini è probabilmente maggio, quando c'è un buon compromesso tra temperatura e probabilità di pioggia, e quando cascate e piscine naturali sono al massimo del loro splendore a seguito del periodo più umido terminato da poco.

  • Periodo migliore per visitare il Kimberly: la regione del Kimberly occupa la parte più settentrionale dello stato del Western Australia, a nord del Tropico del Capricorno, e vede essenzialmente due stagioni: una estate molto calda con piogge spesso abbondanti, che va indicativamente da novembre ad aprile, ed un inverno asciutto con temperature diurne piacevoli e notti fresche (talvolta fredde). Gran parte delle attrazioni offerte dal Kimberly non sono accessibili in estate e pertanto è fortemente sconsigliato viaggiare in questo periodo. Il mese migliore in assoluto per andare nel Kimberly è probabilmente maggio, quando a seguito delle piogge ormai terminate, la vegetazione è ancora verde e rigogliosa con molti fiori e le temperature notturne ancora tiepide permettono di dormire in tenda con un buon livello di comfort. Man mano che ci si addentra nell'inverno, la vegetazione diventa sempre più secca, aumenta la polvere e le notti diventano progressivamente più fredde. I mesi di luglio e agosto sono quelli che vedono la maggiore affluenza turistica.

  • Periodo migliore per andare a Purnululu (Bungle Bungles): il Parco Nazionale di Purnululu si trova nel Kimberly e pertanto valgono le stesse considerazioni già fatte per questa regione, con l'ulteriore nota che durante l'inverno australe, in particolare tra fine giugno e metà agosto, le temperature notturne possono essere particolarmente rigide con frequenti gelate.

ALTRE INFORMAZIONI E CONSIGLI SULL'AUSTRALIA OCCIDENTALE

  • Quali requisiti occorrono per entrare in Australia? Consigliamo di informarsi direttamente presso gli organi competenti o presso la propria agenzia viaggi, in quanto le regole possono cambiare frequentemente. Facciamo solo presente che, come concetto di base, è vietato entrare in Australia con alimenti o con qualunque cosa "viva o morta" che sia, per non parlare di droghe o perfino di alcuni farmaci: i controlli sono estremamente accurati ed efficaci, pertanto raccomandiamo vivamente di rispettare le regole per evitare discussioni, brutte figure, multe salate o conseguenze peggiori.

  • Come sono le prese di corrente in Australia? Le prese di corrente in Australia sono di Tipo I (due lamelle inclinate a 45 gradi, o tre se c'è anche la terra) ed occorre quindi l'adattatore. La tensione è 240 V, mentre la frequenza è 50 Hz.

  • E' disponibile il Wifi in Australia? Il wifi in Australia è ben diffuso ed è disponibile, spesso gratuitamente, in quasi tutte le strutture che offrono ospitalità. Alcuni comuni offrono la connettività gratuita presso le aree più centrali e presso le isole pedonali. Tuttavia se avete bisogno di internet nelle aree remote, l'unico modo è quello di utilizzare una SIM australiana da impiegarsi nel proprio smartphone oppure in un router portatile (nella sala arrivi dell'aeroporto di Perth ci sono piccoli negozi dove è possibile acquistare la SIM). L'operatore che offre la migliore copertura è Telstra, mentre sono assolutamente da evitare Optus e Vodafone.

  • Funziona lo smartphone in Australia? La maggior parte degli operatori di telefonia mobile in Italia posizionano l'Australia nella fascia più costosa, pertanto è bene controllare le condizioni del proprio abbonamento o ricaricabile, per non ritrovarsi con addebiti spropositati. La migliore copertura di telefonia mobile in Australia è fornita da Telstra, quindi bisogna verificare che il proprio operatore italiano abbia accordi di roaming con questa compagnia telefonica e non con Optus o Vodafone. In ogni caso, per tutte le zone lontane dalle strade asfaltate e dai centri abitati, bisognerebbe dotarsi di telefono satellitare (tipo Iridium) in quanto nessun operatore garantisce la copertura nelle aree remote.

  • Che moneta usano in Australia? Le carte di credito sono accettate? La moneta nazionale dell'Australia è il Dollaro Australiano. L'Euro può essere cambiato in aeroporto e nelle maggiori banche che offrono il servizio, ma a tassi fortemente penalizzati rispetto al cambio ufficiale (è meglio cambiare in Italia presso la banca dove si ha il conto corrente, prima di partire). Le carte di credito sono ampiamente accettate e si utilizzano anche per pagare un caffè al bar, anzi, anche se partite con una quantità di contante sufficiente per il viaggio, occorre comunque portare almeno una carta di credito in quanto molti hotel la richiedono a garanzia anche se pagate cash ed anche se avete pagato il soggiorno anticipatamente (di rado viene accettato il contante come deposito a garanzia). La carta di credito è inoltre obbligatoria per noleggiare mezzi di trasporto, come avviene in gran parte del mondo.


° ° °

FOTO E DIARIO DI VIAGGIO IN AUSTRALIA OCCIDENTALE

Grattacieli a Perth Perth e Fremantle: un mix tra antico e moderno <<-- VAI
La maggior parte dei viaggi in Australia Occidentale inizieranno o termineranno proprio nella capitale Perth: perché non approfittarne per visitare questa moderna città? La vicina Fremantle offre inoltre uno sguardo nell'Australia coloniale e non dovrebbe mancare una visita alla prigione ormai dismessa.
Isola Rottnest - Australia L'isola Rottnest: spiagge e quokka <<-- VAI
A meno di un'ora di navigazione da Perth, l'Isola Rottnest offre un vero e proprio paradiso subtropicale, tra grandi spiagge di sabbia bianca e barriere coralline, con i quokka (piccolo raro marsupiale) che ogni tanto si affaccia tra le strade ed i sentieri dell'isola.
Pinnacoli di roccia Il deserto dei pinnacoli e le dune di sabbia di Lancelin <<-- VAI
Procedendo da Perth verso nord, non può mancare una visita alle spettacolari dune di sabbia bianca di Lancelin, dove è possibile provare l'ebrezza dal sandboard (una sorta di snowboard, ma sulla sabbia). Poco più a nord, il Deserto dei Pinnacoli vi stupirà con le sue formazioni rocciose che emergono dalla sabbia color ocra.
Parco Nazionale Kalbarri Il parco nazionale di Kalbarri: trekking nel canyon <<-- VAI
Il parco nazionale di Kalbarri offre paesaggi spettacolari tra rocce e canyon modellati dal fiume Murchison nel corso di milioni e milioni di anni. I più coraggiosi potranno provare l'ebrezza di farsi calare con le funi da una grande parete di roccia arancione.
I delfini di Monkey Mia Shark Bay: i delfini di Monkey Mia, la spiaggia di conchiglie e le Stromatoliti <<-- VAI
Per la sua particolare geologia e per la vita che ospita, Shark Bay è una delle destinazioni più interessanti dell'Australia Occidentale. Qua potrete osservare una spiaggia chilometrica fatta esclusivamente di piccole conchiglie bianche, mentre Monkey Mia vi intrattenerà con i suoi delfini. Shark Bay è inoltre uno dei pochi luoghi al mondo dove osservare le stromatoliti vive.
Coral Bay (Australia) Coral Bay: spiagge e dune di sabbia <<-- VAI
A nord del Tropico del Capricorno, lungo le sponde dell'Oceano Indiano, Coral Bay offre la possibilità di nuotare lungo una delle barriere coralline più ricche di vita dell'Australia, talvolta raggiungibili a nuoto direttamente dalle grandi spiagge di sabbia bianca. Una bella gita in quad può essere un buon modo per osservare grandi dune di sabbia e spiagge remote.
Exmouth (Australia) Exmouth: spiagge, paesaggi e canguri <<-- VAI
La cittadina di Exmouth sorge su una penisola che si protende nell'Oceano Indiano e che rientra nel Parco Nazionale di Cape Range per la biodiversità che ospita e per il paesaggio dominato da strette gole e magnifiche spiagge coralline. Durante l'inverno australe, Exmouth è uno dei migliori luoghi al mondo dove osservare lo squalo balena.
Canyon di Karijini I canyon di Karijini: trekking tra le rocce più antiche del pianeta <<-- VAI
Il Parco Nazionale di Karijini è uno dei luoghi più spettacolari di tutta l'Australia: i suoi canyon, dove talvolta occorre camminare in fila indiana per quanto sono stretti, offrono uno sguardo nel passato geologico del pianeta tra rocce antiche di miliardi di anni, mentre cascate e piscine naturali saranno una buona occasione per una nuotata rinfrescante.
Kimberly (Australia) La regione del Kimberly e le barriere coralline devoniane <<-- VAI
Il Kimberly occupa la parte più settentrionale dello stato del Western Australia ed è il luogo ideale dove osservare antiche barriere coralline fossili risalenti ad epoca devoniana (400 milioni di anni fa), ormai isolate al centro di un continente e trasformate in grotte, canyon e piccole catene montuose.
Bungle Bungles Purnululu: i Bungle Bungle ed i canyon nelle rocce di conglomerato <<-- VAI
Scoperto solo di recente, il massiccio montuoso di Purnululu presenta curiose formazioni rocciose a cupola, a strisce nere ed arancioni (Bungle Bungles), mentre stretti canyon permettono di addentrarsi nel cuore delle montagne costituite in prevalenza da rocce di conglomerato.
Horizontal Waterfalls Volo panoramico sulla penisola di Dampier e sulle isole Buccaneer <<-- VAI
La penisola di Dampier e l'arcipelago Buccaneer offrono spettacolari paesaggi tropicali, che si apprezzano meglio sorvolando la regione con un piccolo aereo. Le cascate orizzontali sono un fenomeno più unico che raro, mentre un atterraggio a Cape Leveque permette di raggiungere a piedi stupende spiagge quasi completamente deserte.

° ° °