Viaggio con auto a noleggio in Nuova Caledonia

15-18 agosto 2017 

Itinerario self-drive in Nuova Caledonia con auto a noleggio lungo la Grande Terre, per un tour fai-da-te dell'isola principale (la più grande) del Paese. Troppo spesso tralasciata in favore delle Isole della Lealtà e dell'Isola dei Pini, la Grande Terre non è solo una tappa obbligata per raggiungere le varie destinazioni della Nuova Caledonia, ma rappresenta anche un'ottima occasione per conoscere meglio il Paese, tra bellezze paesaggistiche uniche al mondo ed una natura incontaminata.

INFORMAZIONI SULLA GRANDE TERRE, ISOLA PRINCIPALE DELLA NUOVA CALEDONIA

La Grande Terre è l'isola principale della Nuova Caledonia ed il luogo che ospita l'aeroporto internazionale nei pressi della capitale Noumea. La Grande Terre è lunga poco più di 400 chilometri e, nel suo punto più ampio, è larga appena 70 chilometri. Il territorio è prevalentemente montuoso, mentre la linea costiera presenta ampie spiagge e lagune molto colorate, ricche di corallo e di piccoli atolli raggiungibili in barca.

La Grande Terre rappresenta una tappa obbligata per tutti i viaggi in Nuova Caledonia, proprio per la presenza dell'unico aeroporto internazionale, ma considerare questo luogo soltanto come uno scalo per raggiungere le isole minori, è decisamente riduttivo e sarebbe un grosso errore. Infatti, le straordinarie bellezze paesaggistiche e la presenza di molte specie endemiche uniche al mondo, sia animali che vegetali, incoraggiano ad esplorare la Grande Terre in modo più approfondito, noleggiando un'auto e guidando in lungo e largo. In base al numero di giorni a disposizione ed ai propri interessi, si può scegliere se visitare la Grande Terre nella sua interezza (pianificando almeno una decina di giorni complessivi), oppure se dedicarsi solo alla regione meridionale, alla costa occidentale o orientale, oppure alla regione più settentrionale.

Le strade in Nuova Caledonia sono in gran parte asfaltate ed è possibile raggiungere la maggioranza dei luoghi di interesse anche con una piccola utilitaria, che può essere noleggiata attraverso alcune delle catene di autonoleggio internazionali, o da compagnie locali, come Point Rouge.

Durante il nostro viaggio in Nuova Caledonia, abbiamo visitato sia la costa occidentale sia quella orientale, con un itinerario abbastanza classico che parte dall'aeroporto internazionale La Tontouta, vicino Noumea, prima di procedere a nord verso Fort Teremba, Poe Beach e Voh con il suo "cuore" impresso dalle mangrovie. Da Voh, abbiamo attraversato la catena montuosa centrale della Grande Terre per dirigerci lungo la costa orientale, nei pressi di Hienghène, con le sue curiose formazioni rocciose dalle forme bizzarre, prima di "scendere" a sud via Poindimié verso il parco delle grandi felci (Parc des Grandes Fougères), un luogo straordinario dove si trovano felci arboree alte fino a 30 metri, uniche al mondo. Il tour della Grande Terre termina a Noumea dove, nel piccolo aeroporto cittadino di Magenta, ci imbarchiamo per le Isole della Lealtà (la capitale Noumea verrà visitata più approfonditamente l'ultimo giorno della vacanza, prima di raggiungere l'aeroporto internazionale).

Un simile itinerario può essere svolto in 5 giorni sulla base di brevi tappe giornaliere, se però desiderate esplorare i luoghi con più calma, magari facendo escursioni in barca sugli atolli minori, sarebbe meglio prevedere un pernottamento aggiuntivo sulla costa occidentale (per esempio a Poe) ed uno su quella orientale (per esempio a Poindimié). Ma vediamo, sotto a seguire, tutti i dettagli e le foto, tappa per tappa.

Fort Teremba Fort Teremba - Nuova Caledonia
Giorno 1 - Prima tappa: Fort Teremba. Fort Teremba è una antica fortezza e prigione, risalente al 1871, situata lungo la costa occidentale della Nuova Caledonia, a nord della capitale Noumea. Gli edifici, recentemente restaurati, ospitavano una colonia penale il cui compito era quello di costruire la rete stradale tra Canala, Bourail e Boulouparis, attraverso i lavori forzati. I turisti possono visitare i vari edifici che ospitavano il personale di supervisione, la torre di guardia ed il complesso delle celle dove venivano rinchiusi i detenuti. Un piccolo museo spiega la storia di Fort Teremba e delle vicende che si sono susseguite durante gli anni nella regione.
Prigione di Fort Teremba
Le celle che ospitavano i detenuti a Fort Teremba erano strette e buie e non erano dotate di alcun comfort: nella maggior parte dei casi, i prigionieri dormivano per terra avvolti da una misera coperta. Una serie di pannelli mostrano anche i provvedimenti disciplinari e le punizioni, che spesso comprendevano vere e proprie torture.
Cella della prigione
La Roche Percee
Giorno 1 - Seconda tappa: La Roche Percee. Non lontano da Fort Teremba, La Roche Percee consiste in un enorme monolite di quarzo, con la base erosa dalle onde, mentre un sentiero unisce diverse baie dominate da ampie spiagge tra imponenti scogliere ed alberi di Araucaria columnaris.
Turtle Bay Araucaria columnaris
Araucaria in Nuova Caledonia Araucarie in Nuova Caledonia
Percorriamo un sentiero fino Turtle Bay, dove abbiamo i primi contatti con le Araucaria columnaris, albero endemico della Nuova Caledonia, che ci accompagnerà per tutto il viaggio attraverso la Grande Terre, le Isole della Lealtà e l'Isola dei Pini (così chiamata proprio per la presenza di intere foreste di Araucaria, che per la loro forma, ricordano molto alcune specie di pino).
Plage de Poe Poe beach
Spiaggia di Poe
Giorno 1 - Terza tappa: Poe Beach. La spiaggia di Poe (Plage de Poè o Poe Beach) è una lunga striscia di sabbia che si estende quasi ininterrottamente per 17 chilometri lungo la costa occidentale della Grande Terre, a nord di Noumea. Contornata da una splendida barriera corallina e da una laguna talmente colorata da essere visibile dallo spazio, tutta l'area è stata dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO per la bellezza paesaggistica e per la grande biodiversità che include numerose tartarughe, dugonghi (attratti dalle alghe che formano chiazze scure nella laguna) e diversi tipi di squalo.
Mangrovie sommerse dal mare Bassa marea
La laguna e la spiaggia di Poe vedono il continuo susseguirsi delle maree, che trasformano radicalmente il paesaggio due volte al giorno. Le mangrovie più prossime alla riva, vengono quasi completamente sommerse dall'alta marea.
Alta marea Bassa marea
Ancora due immagini che mostrano la differenza tra l'alta e la bassa marea nello stesso punto: così si alterna una bella distesa di sabbia dove passeggiare, ad una sorta di piscina naturale dove fare il bagno.
Mangrovie Grande Terre
Spiaggia in Nuova Caledonia Nuova Caledonia
La foresta di mangrovie ed i canali tra i banchi di sabbia lungo la spiaggia di Poe in Nuova Caledonia.
Isola principale della Nuova Caledonia Grande Terre - Nuova Caledonia
Alghe mangiate da tartarughe e dugonghi La spiaggia di Poe non è interessante solo per il paesaggio, ma è anche una buona base di partenza per escursioni nella zona. Tra voli in ultraleggero per ammirare dall'alto i colori della laguna ed escursioni in barca per fare snorkeling e visitare le piccole isole disabitate nelle vicinanze, c'è solo l'imbarazzo della scelta (in tal caso però è necessario prevedere almeno due pernottamenti in zona, per avere il tempo necessario).
Cuore di Voh
Giorno 2 - Voh ed il cuore impresso sulle mangrovie. A circa 3 ore di strada da Poe, lungo la costa nord-occidentale della Grande Terre, si trova la cittadina di Voh, conosciuta per la presenza del famoso cuore creato dalla foresta di mangrovie e simbolo della Nuova Caledonia. La figura a forma di cuore esiste grazie ad un diverso ritmo di crescita delle mangrovie attraverso una ampia foresta, probabilmente per differenze nella composizione del terreno. Tuttavia il cuore va osservato dall'alto e questa potrebbe essere un'impresa non molto semplice: ma andiamo per gradi...
Strada dissestata Montagne in Nuova Caledonia
Ci sono essenzialmente due modi di osservare dall'alto il cuore della Nuova Caledonia: volandoci sopra in ultraleggero, oppure salendo su una montagna alle spalle della foresta. Optiamo per la seconda soluzione, ma la strada è piuttosto ripida e dissestata e l'accesso è consentito solo ai veicoli autorizzati: contattiamo quindi una guida che ci porterà in cima alla montagna con un veicolo idoneo (è consigliabile prenotare l'escursione al cuore di Voh anticipatamente, ad esempio attraverso la New Caledonia Voyages).
Laguna in Nuova Caledonia Panorama Nuova Caledonia
Nuova Caledonia Voh
Voh - Nuova Caledonia Il panorama che si svela durante l'ascesa della montagna alle spalle del cuore di Voh, è spettacolare e spazia tra monti dalla terra arancione, a foreste di mangrovie e barriere coralline molto colorate. Alcuni turisti optano per salire sulla montagna a piedi, ma bisogna mettere in preventivo un dislivello di 700 metri e svariati chilometri, da percorrere sotto il sole tropicale.
Geologia in Nuova Caledonia Miniera di cromo
Miniera di nichel Vegetazione di montagna in Nuova Caledonia
Terra arancione


L'escursione per osservare dall'alto il cuore di Voh, offre anche una finestra sulle miniere di nichel e cromo presenti in zona, tra terreni che mostrano una forte colorazione arancione (l'Australia e la Nuova Caledonia possiedono il 45% delle riserve mondiali totali di nichel).
Poindeimie
Giorno 3 - La costa orientale della Nuova Caledonia. Una strada asfaltata in buone condizioni, collega la cittadina di Konè a quella di Poindimié lungo la costa opposta della Grande Terre, attraversando la catena montuosa centrale. Il viaggio dura circa 3 ore ed offre bellissimi panorami che si alternano tra montagna e mare.
Hienghene Baia di Hienghene
Hienghene - Nuova Caledonia Piscina naturale
La cittadina di Hienghene, lungo la costa nord-orientale della Grande Terre, è una tappa che non dovrebbe mancare, in quanto l'area è conosciuta per la presenza di bizzarre formazioni rocciose e grandi piscine naturali nella barriera corallina. Se desiderate esplorare con più calma la regione, magari facendo qualche escursione in barca verso i piccoli atolli disabitati presenti al largo in gran numero, oppure godendosi meglio il paesaggio che cambia costantemente con la marea, è consigliabile soggiornare almeno 2 notti tra Hienghene e Poindimié.
Roccia pollo
Una delle formazioni rocciose più conosciute di Hienghene, è la Roccia Pollo (La Poule de Hienghène), così chiamata perché, con un po' di fantasia, si può vedere nella sua forma proprio quella di un pollo.
Spiaggia a Hienghene Spiaggia Nuova Caledonia
Le curiose formazioni calcaree di origine corallina, che fanno da contorno ad una spiaggia nei pressi di Hienghene, lungo la costa nord-orientale della Grande Terre, in Nuova Caledonia.
Strade in Nuova Caledonia
Esplorando la foresta tropicale nei pressi di Hienghene con la nostra auto a noleggio.
Roccia calcarea corallina Roccia corallina
Roccia di corallo fossile Roccia di corallo
Altre foto delle spettacolari formazioni di roccia corallina lungo la costa nord-orientale della Grande Terre. L'erosione ad opera dell'acqua e del vento, ha prodotto forme bizzarre, con bordi e rilievi affilati come coltelli.
Segnale di pericolo tsunami
La costa orientale della Nuova Caledonia è esposta al rischio tsunami, a causa di una faglia presente a circa 300 chilometri ad est (tra la Nuova Caledonia e le isole Vanuatu) dove si verificano frequentemente terremoti di magnitudo superiore a 7. Nelle aree più esposte, alcuni cartelli indicano la via da seguire in caso di pericolo.
Parc des Grandes Fougères Parc des Grandes Fougeres
Parco delle Grandi Felci Giorno 4 - Parc des Grandes Fougères. Il Parco delle Grandi Felci (Parc des Grandes Fougères) è una fantastica area protetta nascosta tra i rilievi della catena montuosa centrale della Nuova Caledonia, ad un paio di ore di strada a nord di Noumea, vicino alle cittadine di Sarramea, Farino e la Foa. Il parco nazionale è stato istituito per proteggere alcune specie viventi, sia vegetali che animali, endemiche della Nuova Caledonia e particolarmente rare.
Cyathea intermedia Cyathea in Nuova Caledonia
La regina incontrastata del Parco delle Grandi Felci è, come suggerisce il nome stesso, questa felce arborea (Cyathea intermedia) endemica della Nuova Caledonia, che può raggiungere i 30 metri di altezza con un unico tronco largo alla base fino ad un metro (si tratta, probabilmente, della felce arborea più grande del mondo).
Felce arborea Felci arboree
Il tronco della Cyathea intermedia, felce arborea più grande del mondo, endemica della Nuova Caledonia.
Felce gigante felci giganti
Nel Parco delle Grandi Felci ci sono una serie di facili sentieri, che permettono di camminare tra le grandi felci arboree. Il sito ufficiale del Parc des Grandes Fougères, mette a disposizione informazioni e mappe utili per i visitatori, mentre l'ingresso al parco si raggiunge in auto lungo una strada in buone condizioni, sebbene sterrata nell'ultimo tratto di alcuni chilometri (non serve andare con una 4x4 e va bene anche una utilitaria).
Felce arborea Nuova Caledonia Felci giganti Nuova Caledonia
Foto della parte sommitale del tronco delle felci arboree in Nuova Caledonia, con i curiosi disegni lasciati dalle foglie ormai cadute. Questa felce possiede infatti, similmente ad una palma, solo un piccolo ciuffo di foglie sulla sommità del tronco e non presenta rami.
Farino Lodge
Dove dormire durante il viaggio sulla Grande Terre? Le opzioni per pernottare durante le varie tappe sulla Grande Terre, non sono molte, in quanto il turismo non è ancora molto sviluppato e le strutture sono poche e piccole. A parte la capitale Noumea, gli hotel nei villaggi più remoti consistono prevalentemente in piccoli lodge con bungalow indipendenti e sono generalmente più costosi rispetto agli standard internazionali, sebbene sempre puliti, confortevoli, in tema con l'ambiente, con acqua calda e wifi. In queste foto, il Farino Lodge, a pochi chilometri di distanza dal Parco delle Grandi Felci.
Lodge Farino

° ° °

° ° °

Indietro - Altri Viaggi

Guida di viaggio Nuova Caledonia

Contatti | Chi siamo | Informativa privacy


Questo sito e' protetto da copyright, si prega di contattare gli autori prima di riutilizzare il materiale in esso presente. Tutte le fotografie sono degli autori, salvo dove espressamente indicato.