Viaggio alla scoperta delle isole Gilbert più remote

5-8 luglio 2015 

Kiribati ovviamente non è solo Tarawa, ma la metà della popolazione totale del Paese è distribuita su piccoli atolli più o meno remoti, raggiungibili con alcuni voli settimanali messi a disposizione dalla Air Kiribati. Uno di questi atolli del gruppo delle isole Gilbert è Abemama, dove oltre a paradisiaci paesaggi tropicali, si può capire qualcosa di più sulla vita semplice e senza troppe comodità delle persone che vivono in luoghi così remoti ed isolati.

Atollo Abemama
Barriera corallina Un viaggio ad Abemama inizia già a bordo del piccolo aereo Twin Otter della Air Kiribati che, circa 3 volte a settimana, offre voli da e per Tarawa (il volo dura circa 40 minuti). Un atterraggio ad Abemama con il bel tempo, offre panorami mozzafiato su questo stupendo atollo di forma ovale, dove una stretta striscia di terra è delimitata su un lato dalla barriera corallina oceanica (foto in basso a sinistra), mentre l'altro lato si affaccia sulle acque paradisiache della laguna centrale. Nella foto in alto a sinistra, si intravede la pista dell'aeroporto di Abemama ricavata tra la fitta vegetazione..
Pista aeroporto Abemama
Foto aeroporto di Abemama. La pista dell'aeroporto di Abemama, piuttosto malandata, dove possono atterrare e decollare solo aerei adatti ad operare in queste condizioni, come ad esempio il DHC-6 Twin Otter della Air Kiribati.
Air Kiribati Aeroporto Abemama
Nella foto a sinistra, il Twin Otter della Air Kiribati appena arrivato da Tarawa. Nella foto a destra, l'aeroporto di Abemama con la sala di attesa (la maneaba sulla sinistra fatta con il tetto di foglie intrecciate) e l'ufficio con il check-in (l'edificio in muratura sulla destra).
Autobus ad Abemama
Il lato abitato dell'atollo di Abemama è lungo oltre 30 chilometri e, per motivi di spazio, l'aeroporto è ubicato nella zona settentrionale dell'isola. I passeggeri vengono quindi trasportati verso i vari villaggi a bordo di un camioncino adibito ad autobus.
Strade a Kiribati
Durante il tragitto verso il villaggio di destinazione, il paesaggio consiste in una fitta vegetazione composta prevalentemente di palme, tagliata in due da una pista piuttosto dissestata (la velocità media possibile è di circa 10 chilometri orari).
Capanne tradizionali Villaggio a Kiribati
Kiribati
Foto di Abemama. Occasionalmente la vegetazione di Abemama è interrotta da qualche radura dove sorgono gruppi di capanne, le abitazioni dei locali, o rarissimi edifici in muratura.
maneaba
Una maneaba circondata da alte palme. La maneaba è un edificio composto da una tettoia sorretta da svariati pali, avente la funzione di luogo di ritrovo o, altre volte, utilizzata come scuola o chiesa. Tutti i villaggi di Kiribati hanno almeno una maneaba.
Casa a Kiribati
Raggiungo il villaggio di destinazione e prendo posto nella mia bellissima e confortevole capanna, dotata di camera da letto, bagno e soggiorno.
Paguro
Tra gli ospiti della capanna, numerosi paguri che camminano ovunque: sugli "infissi" e sulle stuoie del pavimento.
Le altre capanne del villaggio, alcune delle quali lungo il lato spiaggia.
Maialino
Gli animali da allevamento ad Abemama, come in tutta Kiribati, sono prevalentemente polli e maialini che spesso scorrazzano liberi tra le capanne dei villaggi.
Bassa marea Alta marea
Il villaggio si affaccia lungo il litorale oceanico dell'atollo di Abemama ed in queste due foto si può osservare la differenza tra bassa ed alta marea. Durante la bassa marea il mare si allontana tantissimo e parte della barriera corallina resta esposta all'aria.
Barriera corallina
coralli corallo
Tridacna
Durante la bassa marea i locali si recano a piedi sulla barriera corallina per raccogliere frutti di mare o catturare pesci rimasti intrappolati nelle buche. Osservando sotto il sottile strato di acqua, si trovano coralli vivi, tridacne, stelle di mare ed altri molluschi.
Trappola per pesci Battaglia di isole_gilbert
Nella foto a sinistra, una grossa trappola per pesci costruita sulla barriera corallina. Durante l'alta marea, i pesci di fondo entrano, ma poi, appena il mare si ritira, non riescono più ad uscire. Nella foto a destra, un bambino gioca con un pesce appena prelevato dalla trappola.
Abemama Pass oceanica
L'atollo di Abemama è costituito da una serie di isole separate da stretti bracci di mare che mettono in comunicazione la laguna interna dell'atollo con l'oceano Pacifico. Durante la bassa marea (foto a sinistra) il canale diventa una enorme spiaggia con una serie di piscine naturali, mentre durante l'alta marea (foto a destra) il canale si allaga del tutto ed il paesaggio cambia radicalmente.
Giovani mangrovie
Altre foto di canali che separano le isole principali dell'atollo di Abemama. Le mangrovie, importanti piante che si sono adattate a vivere in un ambiente salmastro, fungono da importante barriera anti erosione.
Spiaggia immensa
Foto Abemama. Durante la bassa marea, le spiagge lungo il lato lagunare interno dell'atollo diventano distese infinite di sabbia che ospitano solo piccoli rigagnoli o pozzanghere di acqua salata.
Spiaggia Spiaggia enorme
Tane di granchio
Fare il bagno durante la bassa marea diventa un po' faticoso perché bisogna camminare anche per un chilometro prima di incontrare l'acqua della laguna. In ogni caso, il paesaggio è spettacolare ed è molto divertente passeggiare sulla sabbia modellata dalle onde della marea precedente o bucherellata da migliaia di granchi (foto in basso a destra).
Spiaggia lagunare
Il mare appare come una sottile linea azzurra all'orizzonte. Non è un problema raggiungerlo, basta tenere d'occhio l'orologio e rientrare prima dell'arrivo della marea, che può superare i due metri.
Laguna dell'atollo Abemama
Durante l'alta marea il paesaggio cambia completamente, diventa ancor più paradisiaco ed è più semplice fare il bagno.
Granchio
Un abitante molto comune ad Abemama, così come in tutta Kiribati.
Lungo l'unica strada che taglia in due longitudinalmente tutto un lato dell'atollo, è un continuo susseguirsi di villaggi o piccoli agglomerati di case, dove gli abitanti vivono tutto l'anno nelle tradizionali capanne. A Kiribati non fa mai freddo, occorre proteggersi solo dalla pioggia e questi edifici fabbricati interamente con materiali che si trovano sull'isola, sono perfettamente adatti a tale scopo.
Lavorazione del cocco Raccolta del cocco
Noci di cocco
La produzione di copra e la lavorazione di altri prodotti ricavati dalle palme, costituiscono l'attività principale di Abemama, che esporta il manufatturato verso altre isole di Kiribati e non solo.
come salire su una palma Persona arrampicata sulla palma
Succo di palma Altro prodotto che si ricava dalla palma è un succo che una volta cotto ricorda vagamente lo sciroppo d'acero. Esso si ottiene tagliando una giovane foglia di palma con un coltello affilatissimo, rinnovando il taglio un paio di volte al giorno. Sotto il moncone della foglia viene applicata una bottiglia dove gocciola dentro il succo. L'operazione va ovviamente svolta in cima alla palma, dove l'addetto alla raccolta si arrampica velocemente e senza alcuna protezione. A Kiribati non è raro osservare persone arrampicate sopra palme alte come case di tre piani: appaiono come uno strano puntino tra le foglie e ci si chiede ogni volta come abbiano fatto ad arrivare fin lì...
Dove è finito il mare? In questo punto dell'atollo di Abemama, il mare sparisce completamente durante la bassa marea...
...basta comunque camminare un po' per trovare le mini piscine naturali riempite durante le precedente marea, mentre in lontananza (anzi, molto in lontananza) le onde dell'oceano Pacifico si infrangono sulla barriera corallina.
Abitanti di Abemama
Gli abitanti di Abemama sono sempre molto curiosi di vedere un raro turista sulla loro isola, in particolare i bambini ti fermano perché vogliono essere fotografati.

° ° °

° ° °

Indietro - Altri Viaggi

Guida di viaggio Kiribati

Contatti | Chi siamo | Informativa privacy


Questo sito e' protetto da copyright, si prega di contattare gli autori prima di riutilizzare il materiale in esso presente. Tutte le fotografie sono degli autori, salvo dove espressamente indicato.