Tour a Kiribati dalle Isole della Linea alle Isole Gilbert

Giugno / Luglio 2015

° ° °

Mappa tour Kiribati | Guida di viaggio Kiribati | Foto Kiribati | Contatti e Copyright | In English please

° ° °

ITINERARIO DI VIAGGIO A KIRIBATI

Itinerario consigliato a Kiribati Isola Christmas (Kiribati) Kiribati Abaiang (Kiribati) Tarawa (Kiribati) Abemama (Kiribati)

° ° °

INFORMAZIONI E GUIDA DI VIAGGIO KIRIBATI

COSA FARE E COSA VEDERE A KIRIBATI?

Perché andare a Kiribati? E' la domanda che mi viene posta più frequentemente, anche dagli stessi abitanti locali, spesso sorpresi di vedere un turista in giro per le loro isole per ben tre settimane. Quali sono quindi i motivi principali per andare a Kiribati, invece di scegliere qualche altro paradiso tropicale più gettonato e più "semplice", come può essere la Polinesia Francese o le Isole Fiji? La mia curiosità su questo insolito Paese è nata "giocando" con Google Earth quando, osservando i minuti atolli sperduti nel Pacifico (Kiritimati si trova al centro dell'oceano, a non meno di 5000 chilometri da qualunque altro continente), mi sono subito chiesto quali potessero essere le sfide affrontate quotidianamente dalle persone che ci vivono, soprattutto in funzione del fatto che l'economia di Kiribati non è sostenuta dal turismo. La superficie di Kiribati è estesa più o meno quanto l'Australia, ma il 99,97% del "territorio" è costituito dalle acque del Pacifico. Disperso in una zona di oceano che copre 3 fusi orari, Kiribati conta 3 arcipelaghi: le Isole della Linea, le Isole della Fenice e le isole Gilbert, ciascuno comprendente una serie di piccoli atolli, talvolta abitati. Visti dall'aereo, gli atolli formano nella maggior parte dei casi una lunga striscia larga meno di un chilometro, dove un lato si affaccia sulle acque calme e turchesi della laguna, mentre l'altro è battuto dalle potenti onde del Pacifico. I paesaggi, spesso meravigliosi e paradisiaci delle spiagge lagunari (quasi sempre deserte, dove non si incontra anima viva per ore) si alternano talvolta alle distese sterili di un suolo arso dall'iper-evaporazione e dall'elevata salinità, mentre le maree trasformano due volte al giorno spiagge chilometriche delimitate dalle mangrovie, in immense piscine naturali verde smeraldo o blu turchese. Passeggiare tra i villaggi tradizionali permette di apprezzare una vita semplice ed umile in condizioni da noi definite "povere", ma che vedono persone sorridenti e almeno in apparenza, felici. Le capanne sono edificate con tronchi e foglie intrecciate, e spesso non hanno le pareti perché a Kiribati fa sempre caldo e bisogna ripararsi solo dalla pioggia. Come diversivo, per gli appassionati della seconda guerra mondiale, si segnala che a Tarawa si è svolta una importante battaglia e lungo le spiagge di Betio è possibile osservare numerosi reperti storici.



COME ARRIVARE A KIRIBATI?

Come raggiungere Kiribati? Purtroppo questo Paese non è meta facile per chi ha poco tempo per le proprie vacanze, in quanto già solo il viaggio, richiede diversi giorni sia per andare e sia per tornare. L'isola Christmas (Kiritimati) è servita soltanto da un volo settimanale della Fiji Airways da Nadi (isole Fiji) e da Honolulu (Hawaii). Per gli italiani la rotta più breve, e forse anche la meno costosa, è quella via Honolulu ma in ogni caso, essendo il volo settimanale, è bene arrivare ad Honolulu con largo anticipo in modo da assorbire eventuali ritardi o cancellazioni del volo intercontinentale. Se invece la vostra meta sono le isole Gilbert (e quindi Tarawa), è possibile arrivare con due voli settimanali da Nadi, sempre con la Fiji Airways, oppure con un volo settimanale da Nauru via Majuro (isole Marshall) con la Air Nauru. Questa è la situazione al momento della stesura del reportage di viaggio a Kiribati, fatto a giugno del 2015 (si raccomanda pertanto di acquisire sempre informazioni aggiornate presso la propria agenzia viaggi o consultando altri blog di viaggiatori).

QUALE E' IL PERIODO MIGLIORE PER ANDARE A KIRIBATI?

Supponiamo che avete appena deciso di andare a Kiribati, ma essendo questo un paradiso tropicale, sicuramente desiderate evitare i periodi eccessivamente piovosi. Nasce pertanto la fatidica domanda: quale è la stagione migliore per andare a Kiribati? Per rispondere, bisogna anzitutto fare un paio di importanti precisazioni: anzitutto, bisogna dire che a Kiribati piove praticamente tutto l'anno e non esiste un vero e proprio periodo secco come avviene per esempio alle Maldive. Altra cosa importante da sapere è che Kiribati si trova in una fascia particolare dell'oceano Pacifico, definita fascia "asciutta", dove non solo piove meno rispetto al resto dell'oceano, ma dove si registrano occasionali anni con prolungata siccità. Pertanto, fatte queste doverose premesse, dal clima di Kiribati non aspettatevi piogge monsoniche nel periodo più piovoso che va da novembre ad aprile, e non aspettatevi il deserto del Sahara nel periodo più asciutto, corrispondente invece alla nostra estate (il mese meno piovoso sembra essere settembre ma, come detto, per quanto riguarda il clima di Kiribati, non si può parlare in termini certi ed assoluti). La temperatura a Kiribati è per tutto l'anno compresa fra 25 e 32 gradi, con umidità generalmente alta e leggera brezza. La temperatura dell'acqua è anch'essa elevata tutto l'anno e si può fare il bagno, anche in mare aperto, solo con il costume senza muta o quant'altro.

COME E' LO SNORKELING E COME SONO LE IMMERSIONI A KIRIBATI?

Molti turisti scelgono destinazioni marine perché amano praticare snorkeling o fare immersioni e prima di andare a Kiribati ci si potrebbe porre la domanda se le isole offrano la possibilità di praticare tali attività. Generalmente parlando, Kiribati non è una destinazione adatta se snorkeling ed immersioni sono di primaria importanza per la vostra vacanza al mare: il problema non sta tanto nella geologia degli atolli, nei coralli o nella vita marina presente, ma piuttosto nel fatto che localmente non sono attrezzati per svolgere queste escursioni. Le imbarcazioni sono spesso inadatte, mentre nessuno conosce i luoghi migliori dove tuffarsi per godersi un po' di snorkeling o addirittura per immergersi. Le barriere coralline lungo il lato oceanico degli atolli non sono collegate all'isola con opportuni pontili e quindi diventa molto difficile, se non pericoloso, raggiungere il punto dove tuffarsi. Le lagune invece sono prevalentemente sabbiose, quindi ottime per fare il bagno e nuotare, ma proprio a causa della grande quantità di sabbia, la visibilità risulta spesso limitata e comunque non c'è una grossa varietà di pesci e coralli. Un'eccezione è forse rappresentata da Kiritimati (isola Christmas) nell'arcipelago delle isole della Linea, dove qualche operatore offre escursioni verso le barriere coralline soprattutto per fare snorkeling, mentre in una parte della laguna è possibile nuotare con decine di mante. Kiribati (soprattutto l'isola di Kiritimati) è una destinazione scelta dagli amanti della pesca d'altura ed in questo caso, per chi fosse appassionato di tale sport, c'è sicuramente da divertirsi.



DOVE SI TROVANO LE MIGLIORI SPIAGGE A KIRIBATI?

Generalmente parlando, un viaggio a Kiribati non è da considerarsi una normale vacanza balneare (se il vostro unico interesse è andare al mare, non ha molto senso andare a Kiribati), tuttavia potrebbe essere desiderabile di tanto in tanto una bella gita in spiaggia, magari dopo una lunga escursione. Le spiagge migliori si trovano a Kiritimati (Christmas Island), ottime anche quelle degli isolotti lungo il lato occidentale di Abaiang e del litorale lagunare di Abemama. A sud Tarawa le spiagge sono troppo sporche ed inquinate, quando si visita questo atollo è meglio concentrarsi sull'aspetto culturale e sui reperti della seconda guerra mondiale (decisamente migliore invece la situazione a Tarawa nord). Bisogna comunque sapere che difficilmente le spiagge migliori si troveranno vicino al luogo dove soggiornate (eccetto l'isola Teirio, atollo di Abaiang), ma vanno raggiunte con vari mezzi via terra o acqua. Inoltre alcune spiagge diventano balneabili solo durante l'alta marea, mentre altre in bassa marea diventano talmente ampie che bisogna fare anche un chilometro a piedi per arrivare all'acqua (il paesaggio è comunque stupendo ed è molto divertente camminare sulle distese infinite di sabbia). Gran parte delle spiagge sono completamente deserte, così come le isolette più remote lungo il bordo dell'atollo, e può succedere di non incontrare anima viva per ore: si consiglia di portare eventualmente un telefono satellitare per le emergenze e di tenere d'occhio l'orologio per l'orario delle maree.

COME SPOSTARSI A KIRIBATI?

Come già detto, Kiribati è una paese dall'enorme estensione, dove le distanze sono lunghe ed i mezzi per coprirle limitatissimi. Pertanto, se desiderate visitare più isole, armatevi anzitutto di sufficiente tempo da dedicare alla vostra vacanza e di un po' di pazienza. Se per il vostro viaggio a Kiribati avete deciso di visitare sia le isole Gilbert e sia le isole della Linea, sappiate che esse si trovano a due ore di fuso orario di distanza tra loro e non esistono voli diretti: l'unico modo è prendere da Kiritimati il volo settimanale della Fiji Airways per Nadi, fare un pernottamento alle isole Fiji e ripartire per Tarawa il mattino seguente (l'itinerario opposto richiede invece due pernottamenti intermedi a Nadi). Gli spostamenti tra le isole Gilbert, almeno tra quelle più densamente abitate, sono invece "garantiti" dalla Air Kiribati, la locale compagnia aerea che possiede un aereo Twin Otter ed uno Shorts 360 entrambi da poco meno di 20 posti. La maggior parte degli atolli sono collegati a Tarawa con voli bi o tri settimanali, ma succede che per spostarsi tra due atolli minori bisogna andare a Tarawa e probabilmente pernottare almeno una notte prima di proseguire il viaggio. L'atollo di Abaiang (e quindi il piccolo "resort" sull'isola di Teirio) è invece servito anche da barche veloci in grado di coprire la distanza da Tarawa in meno di due ore. Per gli spostamenti sulle isole, Tarawa e Kiritimati offrono la possibilità di noleggiare l'auto (la guida è a sinistra) mentre negli atolli minori si può sempre contare su qualche gentile abitante locale che ti presta il suo motorino o la sua bicicletta (ad Abemama c'è un servizio "autobus", sostanzialmente un camion dove si viaggia nel cassone, in coincidenza con i voli della Air Kiribati). Noleggiare una barca può essere invece molto utile per visitare le isole disabitate o le spiagge altrimenti irragiungibili (noleggiare una barca anche per un giorno intero costa relativamente poco).

DOVE DORMIRE A KIRIBATI? COME SI MANGIA A KIRIBATI?

Kiribati non è un paese che vive di turismo e le strutture di accoglienza non sono soltanto limitate numericamente, ma mancano di molti standard internazionali ai quali si potrebbe essere abituati. A Tarawa sud e Kiritimati (Christmas Island) si può trovare qualche motel al quale, in qualche modo, si possono assegnare 3 stelle, ma nelle isole Gilbert minori si è quasi sempre ospitati in semplici capanne molto simili a quelle dove vivono gli stessi abitanti di Kiribati. Nella maggior parte dei casi, l'acqua calda non è disponibile, mentre quella di rubinetto non è potabile (evitatela anche semplicemente per lavarvi i denti, perché se dovessero finire le scorte di acqua piovana, verrebbe utilizzata quella di pozzo). La varietà di cibo è molto limitata e le pietanze offerte sono ripetitive: la frutta è molto scarsa, mentre la verdura è in gran parte quella confezionata in barattoli. Le condizioni igienico-sanitarie sono ovunque piuttosto precarie. Complessivamente, un viaggio a Kiribati richiede un discreto spirito di adattamento e la destinazione è consigliabile solo a chi è abituato a questo genere di vacanze.

COME ORGANIZZARE UN VIAGGIO A KIRIBATI?

Se avete deciso di andare a Kiribati, probabilmente vi starete iniziando a chiedere come fare per organizzare il viaggio e prenotare i vari servizi richiesti, dal momento che non si trovano in Internet molte informazioni. Per quanto riguarda le due isole principali, Tarawa e Kiritimati, si può anche pensare di contattare direttamente la struttura di permanenza (basta una semplice ricerca in Google o consultare le varie pagine di questo reportage), chiedendo magari di aggiungere al pernottamento anche il noleggio dell'auto. Per le isole remote invece, come può essere Abemama o Abaiang, risulta molto difficile contattare direttamente le strutture di accoglienza, in quanto Internet non è ancora disponibile nei luoghi più remoti e quasi tutte le comunicazioni avvengono via radio. In ogni caso, anche per le isole più "facili" consiglio di rivolgersi ad un operatore locale che provvederà ad organizzare il tutto, dopo aver comunicato esattamente l'itinerario che si desidera. Per quanto riguarda i voli da Honolulu e Nadi rispettivamente per Kiritimati e Tarawa, questi possono essere tranquillamente acquistati presso una qualunque agenzia viaggi in Italia, mentre per i voli interni operati dalla Air Kiribati è meglio farsi assistere da una agenzia locale. Tobaraoi Travel può prenotare voli, sistemazioni, escursioni e noleggi, anche sulle isole più remote, dopo aver comunicato l'itinerario di proprio interesse.

COSA BISOGNA SAPERE PRIMA DI ANDARE A KIRIBATI?

Kiribati è un paese sconosciuto alla maggior parte delle persone e non è sempre facile trovare informazioni utili ai viaggiatori che desiderano affrontare un viaggio in questo affascinante paese. Ecco a seguire alcuni consigli ed informazioni che potrebbero rilevarsi utili per la vostra vacanza a Kiribati:

  • Come sono le prese di corrente a Kiribati? Le prese di corrente di Kiribati sono uguali a quelle dell'Australia e della Nuova Zelanda (nonché di molti altri paesi del Pacifico): due lamelle piatte a V. La corrente, quando c'è e non ha sbalzi, è a 240V 50Hz. Nelle isole remote (per esempio Abemama ed Abaiang) la corrente potrebbe essere prodotta solo da piccoli pannelli solari ed erogata limitatamente a qualche ora di sera. Portatevi un numero sufficiente di batterie di scorta!

  • Occorre il visto per andare a Kiribati? Al 2015 è sufficiente il passaporto in corso di validità (il visto non è necessario se si va a Kiribati in vacanza per periodi limitati). Dal momento che per raggiungere Kiribati è necessario il transito in diversi altri paesi, è bene controllare di essere in regola anche verso quest'ultimi, per esempio con l'ESTA se transitate da Honolulu.

  • Quanti abitanti ci sono a Kiribati? Il Paese conta, al 2015, circa 100.000 abitanti, la metà dei quali concentrati sul piccolo atollo di Tarawa (ed in particolare sull'atollo di Tarawa sud). Il resto degli abitanti è sparso su vari atolli più o meno remoti ed isolati.

  • Funzionano le carte di credito? Che moneta si utilizza a Kiribati? Le carte di credito sono poco utilizzate a Kiribati, anche se qualche sportello ATM (limitatamente a Tarawa e Kiritimati) è in grado di erogare contante. Meglio arrivare con sufficiente contante: la moneta ufficiale a Kiribati è il dollaro australiano, ed è bene cambiare prima di arrivare, in quanto sul posto può essere difficile e con commissioni molto elevate.

  • Funziona il telefono cellulare a Kiribati? A data attuale, non mi risulta che le compagnie telefoniche italiane abbiano accordi di roaming con l'operatore locale. Meglio comunque comprare una SIM sul posto, la quale funziona in 3G per voce e dati (anche se molti sforzi si stanno facendo per migliorare la copertura, questa è al momento "garantita" solo a Tarawa e Kiritimati --- nelle isole minori si comunica solo via radio con apparati fissi che si trovano in vari punti delle isole). Se non si può fare a meno di comunicare, si consiglia di portare un telefono satellitare.

  • E' disponibile il wifi a Kiribati? Alcune strutture di accoglienza offrono il wifi, ma si segnala che la velocità è spesso insufficiente. Meglio eventualmente munirsi di SIM locale da inserire nel proprio smartphone. La copertura internet nelle isole minori è praticamente assente allo stato attuale in entrambi i casi, ma si sta lavorando per assicurare tale servizio.

  • Come vestirsi a Kiribati? Kiribati gode di clima caldo tutto l'anno e occorrono solo pantaloncini e maglietta. Non serve portare felpa o maglioncino (neanche "giusto se") perché a Kiribati non fa mai freddo. Eventualmente, per proteggersi dalle zanzare che, specialmente sulle isole minori sono piuttosto aggressive e numerose, è bene vestirsi "lunghi" al mattino ed alla sera.

  • Ci sono le zanzare a Kiribati? Vedere la domanda precedente...

  • Cosa non dovrebbe assolutamente mancare in valigia? Crema solare, repellente per gli insetti, farmaci di uso abituale e non, batterie di riserva per quando non è possibile ricaricare, cappello, occhiali da sole, costume, maglietta, pantalone (lungo e corto), sandali ben saldi al piede e con buona suola, cuscino gonfiabile a U per i lunghi voli, asciugamano, pigiama leggero lungo (per proteggersi dagli insetti di notte) o saccolenzuolo, torcia elettrica.

  • Cosa è completamente inutile portare a Kiribati? Maglione (a meno che non serva in aereo), scarpe (si può fare tutta la vacanza con i sandali), muta, macchina fotografica sub, vestiti eleganti, scorte alimentari (verrebbe tutto sequestrato durante il transito alle isole Fiji)

  • Che lingua si parla a Kiribati? A Kiribati si parla il Gilbertese, ma l'Inglese è parlato praticamente da tutta la popolazione


° ° °

FOTO E DIARIO DI VIAGGIO KIRIBATI

Tabwakea Kiritimati (isola Christmas) i villaggi e la vita sull'isola <<-- VAI
Isolata da almeno 5000 chilometri di acqua del Pacifico verso tutte le direzioni, Kiritimati, appartenente allo stato di Kiribati e facente parte dell'arcipelago delle Isole della Linea, è una delle isole più remote del mondo.
Le spiagge dell'isola Christmas (Kiribati) Mare e spiagge a Kiritimati (isola Christmas) <<-- VAI
Con la sua immensa laguna, Kiritimati, l'atollo più grande del pianeta e tra i più isolati, offre splendidi paesaggi tropicali e belle spiagge completamente deserte, che fanno da cornice ad un mare verde smeraldo e blu turchese.
Gli uccelli delle Isole della Linea Escursione da Kiritimati verso altre Isole della Linea <<-- VAI
Le Isole della Linea sono sparse in un vasto settore dell'oceano Pacifico, ma alcune sono raggiungibili con una breve escursione dall'isola Christmas. Dichiarate parco nazionale, queste isole offrono la possibilità di osservare migliaia di sterne ed alcuni uccelli rari.
Atollo di Tarawa sud Paesaggi e villaggi a Tarawa sud nei pressi della capitale di Kiribati <<-- VAI
L'atollo di Tarawa sud, parte dell'arcipelago delle Isole Gilbert, ospita la capitale di Kiribati nonché la maggioranza della popolazione del Paese, distribuita fra le cittadine di Betio, Bonriki, Bairiki ed altri piccoli centri abitati.
Reperti della II guerra mondiale I reperti storici della battaglia di Tarawa a Kiribati <<-- VAI
Tarawa è famosa per una delle battaglie che hanno segnato il corso della seconda guerra mondiale: la battaglia di Tarawa, tra i giapponesi che avevano occupato le isole Gilbert e gli americani. Una serie di reperti testimoniano i fatti storici avvenuti nel 1943.
In viaggio ad Abemama L'atollo di Abemama: la vita sulle isole Gilbert più remote <<-- VAI
Le isole Gilbert più remote, lontano dalla capitale Tarawa, offrono un'esperienza di viaggio unica, dove splendidi paesaggi tropicali si fondono con una cultura autentica in un luogo paradisiaco agli occhi del viaggiatore, ma che pone sfide non indifferenti verso chi ci vive.
Isola e laguna di Abemama Escursioni da Abemama alle isole più remote tra villaggi e splendido mare <<-- VAI
Se Abemama è già di per se un atollo remoto ed isolato, c'è una comunità che ha scelto di vivere su una piccola isola dell'atollo... come una sorta di "isola nell'isola", circondati da spiagge e lagune spettacolari.
Isola Teirio L'isola Teirio e l'atollo di Abaiang: un po' di mare per la vacanza a Kiribati <<-- VAI
Se al vostro viaggio a Kiribati volete abbinare un po' di vero relax al mare, l'isola di Teirio nell'atollo di Abaiang, raggiungibile in barca da Tarawa, può essere una buona scelta. Bella spiaggia, ottimo mare ed escursioni possibili verso isole deserte e villaggi remoti.
Atollo di Tarawa nord Esplorando Tarawa nord tra cultura e splendidi paesaggi tropicali <<-- VAI
Lontano dal trambusto di Tarawa sud, la parte nord dell'atollo offre buon mare, spiagge chilometriche e villaggi tradizionali dove si può imparare qualcosa di più sulla cultura di Kiribati e sulle tradizioni dei suoi abitanti.

° ° °