Viaggio in Cile
Le foreste del centro, l'isola Robinson Crusoe e l'isola di Pasqua

Dicembre 2016

° ° °

Itinerario Cile centrale ed isole | Guida di viaggio Cile | Foto Cile | Contatti e Copyright | English (will be available soon)

° ° °

IL NOSTRO ITINERARIO IN CILE

Itinerario suggerito in Cile

° ° °

INFORMAZIONI E GUIDA DI VIAGGIO CILE

PERCHE' ANDARE IN CILE? COSA FARE E COSA VEDERE?

Per la sua ampia estensione territoriale in latitudine, che copre oltre 4000 chilometri tra la fascia sub-tropicale e quella sub-antartica, il Cile offre una incredibile varietà di paesaggi ed ecosistemi distribuiti tra il livello del mare ed i 7000 metri della maggiore vetta delle Ande, che non potranno non affascinare gli appassionati di paesaggi estremi e chi ama viaggiare a stretto contattato con la natura. Il Cile settentrionale è conosciuto per il deserto di Atacama, uno dei luoghi più aridi della Terra, dominato da vulcani che superano i 4000 metri di altitudine, tra lagune colorate, geyser ed altre curiosità geologiche mentre, viaggiando verso sud nelle regioni dei laghi, si incontrano le grandi foreste, spesso incontaminate, di Araucaria, faggio australe e cipresso della Patagonia, un vero paradiso per gli appassionati di botanica, che potranno passeggiare tra boschi di alberi secolari e addirittura millenari. Procedendo ancora verso sud, si arriva alle latitudini dei grandi ghiacciai annidati tra vette spettacolari, profondi fiordi e labirinti di infinite isole dove i veri "padroni" sono pinguini ed otarie. Osservando il Cile anche lungo il piano longitudinale, ad est, lungo il confine con l'Argentina e la Bolivia, le Ande offrono l'opportunità di esplorare la catena montuosa più alta del mondo dopo l'Himalaya, mentre uno sguardo sull'oceano Pacifico ci rivela l'isola Robinson Crusoe, un vero gioiello visitato solo da poche centinaia di turisti ogni anno, nonché l'Isola di Pasqua, conosciuta per le sue misteriose ed enormi statue di pietra vulcanica.



QUALE E' IL PERIODO MIGLIORE PER ANDARE IN CILE?

Dal momento che una vacanza in Cile presuppone molte ore passate all'aria aperta per godersi la natura ed i paesaggi estremi, forse vi starete chiedendo quale è la stagione migliore per visitare il Cile, che possa aumentare le probabilità di trovare bel tempo. Il periodo migliore per visitare il Cile dipende dalla regione nella quale desiderate trascorrere la vostra vacanza e non esiste un periodo migliore in assoluto per visitare contemporaneamente tutto il paese. Vediamo quindi più in dettaglio quale è la stagione migliore per andare in Cile, regione per regione:

  • Periodo migliore per andare nel deserto di Atacama (Cile del nord): trattandosi delle regioni più aride del pianeta, non esiste una vera stagione migliore per visitare il Cile settentrionale, in quanto può essere adatto tutto l'anno. Bisogna solo considerare che durante l'inverno australe, tra giugno e settembre, le temperature ad alta quota potrebbero essere molto rigide soprattutto durante la notte, con le precipitazioni però ridotte praticamente a zero. Durante gli altri mesi dell'anno le temperature sono più alte (talvolta anche troppo alte), con qualche probabilità in più di pioggia.

  • Periodo migliore per andare nella regione dei laghi (Cile centrale): la stagione migliore per visitare il Cile centrale con le sue foreste di Araucaria, faggio australe e cipresso della Patagonia, va da metà novembre ad aprile, quando le temperature sono gradevoli, le piste in ottime condizioni di percorribilità e quando il cielo è più limpido. Maggio può essere un mese interessante per osservare le foreste che cambiano colore in autunno, con il rosso del Berberis che contrasta sul verde delle Araucaria, ma bisogna considerare che la piovosità aumenta con ripercussioni anche sulla visibilità. Nel resto dell'anno, i parchi nazionali del Cile centrale potrebbero essere coperti di neve e la percorribilità delle piste potrebbe non essere ottimale.

  • Periodo migliore per andare in Patagonia (Cile meridionale): Per la sua latitudine, la stagione migliore per visitare il Cile meridionale, corrisponde all'estate australe, indicativamente da ottobre a marzo, quando le temperature sono più gradevoli e le giornate sono lunghe (le precipitazioni sono distribuite piuttosto uniformemente durante l'anno e non esiste una vera stagione secca o significativamente meno piovosa).

  • Periodo migliore per sciare sulle Ande (Cile centrale): ad un paio di ore di pullman da Santiago del Cile, ci sono alcune tra le migliori stazioni sciistiche del Sud America, in mezzo a vette spettacolari che culminano nei 7000 metri del monte Aconcagua. La stagione migliore per visitare le Ande se desiderate sciare, è naturalmente l'inverno australe tra luglio e settembre.

  • Periodo migliore per andare sull'Isola di Pasqua e Robinson Crusoe: la stagione migliore per visitare l'Isola di Pasqua e l'Isola di Robinson Crusoe, corrisponde all'estate australe, indicativamente tra ottobre ed aprile, quando le temperature sono più gradevoli e la piovosità inferiore rispetto al resto dell'anno

IL CILE E' ADATTO AD UN VIAGGIO FAI-DA-TE OPPURE E' MEGLIO ANDARE IN GRUPPO?

Il Cile è un paese piuttosto sicuro, dalle buone infrastrutture e dai servizi ottimi, che rendono certamente possibile organizzare un viaggio fai-da-te, senza doversi necessariamente aggregare ad un gruppo. In tutto il Paese, è facile trovare ospitalità presso strutture che variano tra attività a conduzione familiare e varie catene alberghiere, mentre le maggiori società di autonoleggio mettono a disposizione mezzi adatti a percorrere anche le piste più impegnative. Lo stile di guida dei cileni è abbastanza corretto, mentre gli occasionali controlli della Polizia vengono svolti da personale cordiale e non presentano alcun problema (si consiglia tuttavia di stipulare con la società di autonoleggio una assicurazione completa che vada oltre i soli danni prodotti a terzi, e di portare sempre con se patente, passaporto e contratto di noleggio, tenendone una copia al sicuro). Se si decide di avventurarsi su lunghe piste non asfaltate, è bene noleggiare un mezzo 4x4 di adeguata cilindrata, lasciando sempre detto in hotel dove si va ed a che ora si prevede di rientrare: dal momento che nelle aree remote non c'è copertura di telefonia mobile, si potrebbe prendere in considerazione l'utilizzo di un telefono satellitare. In ogni caso, per i maggiori parchi nazionali, vengono offerte escursioni di gruppo in giornata con guide qualificate: se per una determinata destinazione non ve la sentite di andare da soli, si può prendere in considerazione questa opzione di volta in volta (in particolare, le piste nel deserto di Atacama ad altitudini molto elevate, andrebbero percorse da soli soltanto se si ha già un'ottima esperienza su questa tipologia di vacanza). Anche l'Isola di Pasqua è particolarmente adatta ad un viaggio fai-da-te, ma per avere libertà di movimento è indispensabile anche in questo caso noleggiare l'auto. Per l'isola di Robinson Crusoe conviene invece acquistare un pacchetto che includa volo, pernottamenti e guida per i trekking sul posto, in quanto organizzare tutto via internet, ad iniziare dal volo non IATA, è un po' "macchinoso" e potrebbe richiedere molta pazienza.



COME ARRIVARE IN CILE? COME SPOSTARSI?

Il maggiore aeroporto del Cile, dove arrivano i voli intercontinentali, è quello di Santiago del Cile (SCL) nel Cile centrale. La LAN (o LATAM) mette a disposizione un'ottima rete di voli interni per raggiungere la propria destinazione in giornata, generalmente senza dover prevedere il pernottamento a Santiago. Le porte di accesso per il deserto di Atacama sono gli aeroporti di Calama, Arica ed Iquiqe; per il Cile centrale e le grandi foreste, si può arrivare a Temuco, Puerto Montt o eventualmente a Conception, Valdivia ed Osorno. Per il Cile meridionale e la Patagonia, gli aeroporti di riferimento sono Punta Arenas ed eventualmente Puerto Natales. L'Isola di Pasqua si raggiunge con un volo di 5 ore da Santiago, mentre l'Isola di Robinson Crusoe è collegata solo con un piccolo aeromobile non di linea, che può trasportare solo pochi passeggeri alla volta. Per spostarsi all'interno del Paese sulle lunghe distanze, conviene certamente utilizzare l'aereo, mentre gli autobus sono generalmente utilizzati su brevi e medie distanze (tuttavia per avere maggiore libertà di movimento, è particolarmente consigliato il noleggio dell'auto).

ALTRE INFORMAZIONI E CONSIGLI SUL CILE

Le informazioni sul Cile fornite in questo reportage di viaggio, si riferiscono ad un tour fatto nel 2016 e pertanto si consiglia sempre di verificare che non ci siano stati cambiamenti nel frattempo.

  • Quali documenti occorrono per l'ingresso in Cile? Per entrare in Cile è sufficiente il passaporto e non serve il visto. All'ingresso viene consegnata una ricevuta da conservare con cura, in quanto va restituita al momento di lasciare il Paese.

  • Come sono le prese di corrente in Cile? Le prese di corrente in Cile e sull'Isola di Pasqua sono come quelle italiane e non occorrono adattatori

  • E' disponibile il Wifi in Cile? Il wifi in Cile è ben diffuso ed è disponibile in quasi tutte le strutture che offrono ospitalità. Sull'isola di Robinson Crusoe, sull'Isola di Pasqua ed in alcune zone remote del Cile stesso, la connessione può tuttavia risultare molto lenta.

  • Come si mangia in Cile? La cucina in Cile è molto varia e le materie prime, sia quelle di mare, sia quelle di terra, risultano particolarmente fresche e di buona qualità. Sull'Isola di Pasqua ed a Robinson Crusoe il pesce è particolarmente fresco e molto ben preparato. La bevanda più popolare in Cile è il Pisco Sour, cocktail alcolico dal gradevole sapore di limone.

  • Funziona lo smartphone in Cile? La maggior parte degli operatori di telefonia mobile in Italia posizionano il Cile nella fascia più costosa, pertanto è bene controllare le condizioni del proprio abbonamento o ricaricabile, per non ritrovarsi con addebiti spropositati. La copertura mobile in Cile è piuttosto capillare, sebbene le aree più remote non siano attualmente servite.

  • Che moneta usano in Cile? Funzionano le carte di credito? La moneta nazionale del Cile è il Peso Cileno, ma i maggiori alberghi accettano anche il Dollaro Statunitense (in alcune strutture convenzionate, pagando il soggiorno in dollari americani o carta di credito e mostrando il passaporto con la tarjeta di ingresso, non viene applicata l'IVA). L'Euro può essere cambiato in aeroporto o negli uffici di cambio, con tassi di conversione generalmente onesti e vicini al cambio ufficiale. Le carte di credito sono molto utilizzate in Cile, anche negli esercizi più piccoli, tuttavia è sempre buona norma avere anche del contante in caso di qualunque problema.


° ° °

FOTO E DIARIO DI VIAGGIO IN CILE

Parco nazionale Conguillio Il parco nazionale Conguillio con le sue foreste di Araucaria e Nothofagus <<-- VAI
Se state cercando un luogo dove osservare alberi secolari o millenari, il parco nazionale Conguillio nel Cile centrale, nella regione dell'Araucania, è il posto ideale per ammirarne alcuni tra i più vecchi del pianeta, dove scenari dominati da vulcani innevati fanno da sfondo ad antiche foreste di Araucaria e Nothofagus
Parco Nazionale Alerce Costero I cipressi della Patagonia nel parco nazionale Alerce Costero <<-- VAI
Il parco nazionale di Alerce Costero, nella regione centrale di Los Rios in Cile, ospita una stupenda foresta di cipresso della Patagonia (Fitzroya cupressoides), localmente conosciuto come Alerce. Questa specie è ormai piuttosto rara ed è considerata vulnerabile: tuttavia nel parco Alerce Costero si può osservare un esemplare che ha oltre 3000 anni.
Alberi di Araucaria in Cile Gli alberi di Araucaria nel parco nazionale Nahuelbuta in Cile <<-- VAI
Considerato il principale luogo di origine dell'Araucaria araucana, il parco nazionale Nahuelbuta, vicino alle regioni cilene di Bio-Bio, Araucania e Maule, ospita una densa foresta di questi alberi, con molti esemplari secolari ed alcuni millenari. Nella foresta trovano posto anche alberi di Nothofagus che raggiungono dimensioni considerevoli e che competono con le Araucaria per conquistare la luce del sole.
Piante endemiche di Robinson Crusoe L'isola Robinson Crusoe e la sua sorprendente flora endemica <<-- VAI
L'isola Robinson Crusoe, in pieno oceano Pacifico ad oltre 600 chilometri dalle coste del Cile, è un luogo straordinario per studiare gli endemismi, in quanto ospita alcune decine di specie vegetali che non si trovano in altre parti del mondo. Molte piante endemiche sono però in grave pericolo di estinzione a causa dell'areale di distribuzione limitato e minacciato dalla competizione con specie introdotte dall'uomo.
I murales di Valparaiso Vina del Mar e Valparaiso con i suoi caratteristici murales <<-- VAI
A poco più di un'ora di autobus da Santiago, Valparaiso è una pittoresca città che ricopre i fianchi di una collina e che presenta caratteristici vicoli dove le facciate degli edifici sono coperte da murales, spesso dipinti da famosi artisti: una meta da non perdere se avete un giorno libero a Santiago.
Easter Island (Rapa Nui) L'isola di Pasqua tra archeologia e natura <<-- VAI
L'isola di Pasqua si trova nel cuore del Pacifico meridionale, in fascia sub-tropicale, ed è conosciuta soprattutto per le sue affascinanti e misteriose sculture presenti a decine, vero e proprio rompicapo per archeologi e storici. L'isola presenta anche un paesaggio interessante dominato da antichi coni vulcanici, caldere estinte ed una bella spiaggia balneabile di sabbia bianca.

° ° °