Tour Alhambra in Andalucia

Gennaio 2003 

Visita di un intero giorno alle varie parti della antica città di Alhambra, dichiarata dall'UNESCO Patrimonio Mondiale dell'Umanita'. Fondata dagli Arabi durante la dominazione Islamica attorno al 1100 D.C., la Alhambra ha subìto diverse trasformazioni nel corso dei secoli, a seconda delle dinastie regnanti e delle diverse tendenze, ora musulmane, ora cristiane, che si sono avvicendate negli anni. Il complesso monumentale sorge su un colle nei pressi di Granada, sotto la protezione delle imponenti vette della Sierra Nevada, ed è costituita fondamentalmente da tre aree distinte: la Alcazaba (la fortezza) che aveva funzioni difensive, i Palazzi Nasridi che fungevano da lussuose dimore per i sultani regnanti, ed infine il Generalife, l'area dedicata alla produzione di frutta ed ortaggi, nonchè al pascolo, per il consumo nella città stessa.

Alhambra, viale di accesso
Parte del viale di accesso che collega il Generalife ai Palazzi Nasridi e quindi alla Alcazaba (lunghezza complessiva, 850 metri circa). Le piante e le siepi opportunamente potate e modellate sono uno degli elementi chiave nell'architettura della Alhambra, ed in tutto il complesso monumentale sono ospitate circa 100.000 piante.
Alhambra, la alcazaba (fortezza)
Alhambra, la alcazaba (fortezza) Alhambra, la alcazaba (fortezza)
Foto Alhambra. Vedute panoramiche della Alcazaba, o fortezza. Questo complesso di edifici è composto da un insieme di torri collegate tra loro da massiccio muro perimetrale, nel patio centrale trovavano posto le prigioni sotterranee e le residenze dei militari. Nelle foto, in senso orario partendo da quella in alto a sinistra, 1) Le torri sul lato est; 2) una veduta dei Palazzi Nasridi dalla terrazza di una torre; 3) il muro perimetrale e la torre ovest (torre della vela); 4) Il patio centrale con i resti delle antiche abitazioni dei militari e le torri est sullo sfondo.
Alhambra, torre della vela
Salita sulla terrazza della torre della vela. Una stretta scala a chiocciola collega la base della torre con la terrazza. Alcune strette feritoie sono presenti a scopo difensivo nelle mura della torre.
Granada vista dalla Alhambra Granada vista dalla Alhambra
Granada vista dalla Alhambra


Veduta della parte moderna di Granada e della parte antica (la Albaicin, in cima alla collina), visibile dalla terrazza della torre della vela. E' facile immaginare quanto possa essere importante poter osservare da una torre difensiva, un'area così incredibilmente vasta di territorio.
Alhambra, palazzo Carlo V Alhambra, palazzo Carlo V
Il palazzo di Carlo V è una delle costruzioni più moderne della Alhambra e risale probabilmente al XV secolo, in epoca cristiana-rinascimentale. La funzione di questo palazzo, oltretutto rimasto incompiuto e restaurato soltanto lo scorso secolo, resta poco chiara. Si tratta di un edificio di forma quadrata, con un patio circolare scoperto (senza tetto) inscritto al suo interno. Quest'ultimo, come visibile dalla foto a destra, è dotato di un bel porticato e di porte che consentono di accedere ai vari locali, attualmente utilizzati per ospitare un museo dedicato alla Alhambra.
Alhambra, Palazzi Nasridi
Alhambra, Palazzi Nasridi

Inizia da ora la visita ai Palazzi Nasridi, che avevano la funzione di dimora dei sultani. La prima stanza è chiamata Mexuar ed eveva la funzione di sala di attesa. (La foto di sinistra non è opera mia, ed è scannerizzata da una brochure).
In fondo alla sala di attesa c'è una piccola sala dedicata alla preghiera. Le decorazioni presenti su gran parte della superficie dei muri, sono assolutamente mozzafiato.
Alhambra, Palazzo di Comares
Alhambra, Palazzo di Comares

Il patio e la facciata del Palazzo di Comares separava la parte pubblica da quella privata, la porta di destra conduceva agli alloggi mentre quella di sinistra conduceva all'interno.
Un gioco di archi e di decorazioni visibile dalla parte opposta del patio sopra menzionato. Lo sfarzo decorativo sulla facciata è considerato uno dei più belli e complessi di tutta la Alhambra.
Alhambra, Palazzo di Comares
Alhambra, le decorazioni Alhambra, le decorazioni
Nelle foto in alto, la facciata sud del Palazzo di Comares si riflette nella piscina del patio di Los Arrayanes sottostante. I riflessi nell'acqua e le fontane sono un altro elemento chiave dell'architettura della Alhambra e ne costituiscono una parte importantissima. Nella foto in basso a sinistra, una porta di accesso ai locali laterali, probabilmente utilizzati dalle mogli dei sultani. In basso a destra, un particolare delle decorazioni in gesso, che ricoprono le facciate di gran parte dei palazzi (tali decorazioni erano probabilmente colorate in origine).
Alhambra, le decorazioni
Giochi di archi e di forme, che lasciano intravedere vari particolari degli elementi posti dietro, a seconda del punto di osservazione.
Lateralmente alle porte di accesso ai locali, era usanza costruire una piccola cavità, chiamata "taqa", ove riporre vasi colmi di liquidi.
Alhambra, patio di Los Arrayanes
Alhambra, patio di Los Arrayanes

Il patio di Los Arrayanes visto dalla parte opposta. Ancora una volta il riflesso nell'acqua gioca un ruolo importantissimo nel gioco delle forme e dei colori.
Alhambra, patio dei leoni Alhambra, patio dei leoni
Alhambra, patio dei leoni La visita prosegue verso il patio dei leoni. Si tratta di una grande piazza, con una fontana di marmo posta al centro e raffigurante dei leoni posti a raggiera attorno alla fontana stessa. Dal patio si accede, attraverso il portico perimetrale, a due tempietti posti in allineamento est-ovest con la fontana stessa, la quale costituisce il centro perfetto di tale sistema.
Alhambra, patio dei leoni
Il patio dei leoni visto attraverso le colonne del porticato, ma in direzione nord-sud.
Alhambra, architettura Alhambra, architettura
Alhambra, architettura


Una cupola presente nelle camere laterali del patio dei leoni ed una finestra che guarda verso il patio di Lindaraja. Anche in questi elementi, lo sfarzo decorativo rappresenta una delle opere più complesse e più elaborate di tutta la Alhambra.
Alhambra, patio di Lindaraja
Il patio di Lindaraja visto attraverso una porta di accesso.
Alhambra, palazzo del Partal
Alhambra, palazzo del Partal Alhambra, i giardini
Usciti dal patio di Lindaraja, si accede al palazzo del Partal ed ai suoi giardini. Si tratta di uno dei palazzi più antichi della Alhambra, del quale ne rimangono soltanto pochi resti. I giardini circostanti sono stati allestiti nel XX secolo, a fare da contorno ai resti archeologici ancora rimasti. Anche in questo caso, davanti al palazzo è presente una grossa vasca che ne riflette la facciata in una forma geometrica perfetta.
Alhambra, L'antico cimitero (la rauda).
L'antico cimitero (la rauda).
Alhambra, Granada Alhambra, orto e frutteto
Alhambra, Granada Usciti dai girdini del Partal, la visita prosegue lungo le mura perimetrali e quindi al Generalife, l'area cortigiana dedicata alla produzione agricola. In alto a sinistra, una torre e le mura con la parte antica di Granada che fa da sfondo. In alto a destra, i giardini di Generalife visti dalle mura perimetrali ed in basso a sinistra, la Alcazaba ed i Palazzi Nasridi visti dall'area perimetrale di Generalife.
Alhambra, giardini di Generalife Alhambra, giardini di Generalife
I giardini di Generalife contengono un numero enorme di piante, soprattutto conifere, potate seguendo forme geometriche perfette. Ancora una volta le vasche di acqua, con i loro riflessi, rappresentano un elemento di fondamentale importanza.
Alhambra, giardini di Generalife Alhambra, giardini di Generalife
Alhambra, le fontane Nella foto in alto a sinistra, io tra i labirinti di siepi e conifere, nelle altre foto, ancora vasche e giochi d'acqua. Purtroppo non è stato possibile visitare le residenze in quanto il palazzo è chiuso per lavori di restauro. La visita a questo interessantissimo complesso monumentale termina qui, dopo 8 ore trascorse camminando e fotografando queste incredibili bellezze.

° ° °

° ° °

Indietro - Altri Viaggi

Reportage viaggio Andalucia

Contatti | Chi siamo | Informativa privacy


Questo sito e' protetto da copyright, si prega di contattare gli autori prima di riutilizzare il materiale in esso presente. Tutte le fotografie sono degli autori, salvo dove espressamente indicato.