Groenlandia: guida ed informazioni di viaggio


In questa pagina del sito viaggio-vacanza, trovate informazioni utili per organizzare un tour in Groenlandia, in particolare se desiderate visitare Qaanaaq (Thule) e le regioni più settentrionali.

PREMESSA

PIANO DI VIAGGIO IN GROENLANDIA

IL VOLO PER LA GROENLANDIA - INFORMAZIONI VOLI

INFORMAZIONI COPENHAGEN

INFORMAZIONI KANGERLUSSUAQ

INFORMAZIONI ILULISSAT

INFORMAZIONI QAANAAQ

CLIMA E TEMPERATURE IN GROENLANDIA

ABBIGLIAMENTO IN GROENLANDIA

FOTOGRAFIA IN GROENLANDIA


PREMESSA:

Le cose cambiano velocemente: queste informazioni sono basate su un viaggio fatto in Aprile del 2007, si raccomanda pertanto di tenere in considerazione il fatto che gli orari dei voli ed i tour offerti dalle varie agenzie, possono variare notevolmente con il passare del tempo.

 

PIANO DI VIAGGIO IN GROENLANDIA:

Gli obiettivi principali che mi sono proposto in questo viaggio, sono stati la visita delle aree attorno Ilulissat e Qaanaaq (Thule) utilizzando come mezzo di trasporto la slitta trainata dai cani, fermandomi piu' o meno 7 giorni in ciascun distretto.

Il piano di viaggio originale includeva in verita' una escursione in motoslitta sulla calotta glaciale che ricopre la Groenlandia, partendo da Kangerlussuaq ed arrivando alla stazione radar Dye-2, prima di proseguire il viaggio verso Qaanaaq. Purtroppo la Kangerlussuaq Tourism (operatore ormai non più esistente), a soli 20 giorni dalla partenza mi comunica che il tour e' annullato senza fornire alternative o ulteriori spiegazioni. Mi trovo quindi costretto a modificare l'itinerario, trascorrendo ad Ilulissat il tempo che avrei invece trascorso a Kangerlussuaq. Fortunatamente, mi sono stati restituiti i soldi che avevo anticipato per il tour, tuttavia raccomando grande prudenza se decidete di andare in Groenlandia con la Kangerlussuaq Tourism, in quanto potreste ritrovarvi con un costosissimo biglietto aereo, ma i tour cancellati. Qua potete trovare un breve tour a Kangerlussuaq che ho fatto successivamente.

 

IL VOLO PER LA GROENLANDIA - INFORMAZIONI VOLI GROENLANDIA:

Raggiungere la Groenlandia dalla maggior parte delle citta' europee non e' impresa facile e spesso e' richiesto un pernottamento a Copenhagen (o Reykjavik) sia all'andata che al ritorno, in quanto il volo intercontinentale opera ad orari per i quali e' molto difficile trovare voli in coincidenza dalla propria citta'.

Raggiungere Qaanaaq e' ancora piu' scomodo, in quanto il volo parte da Ilulissat e non opera in coincidenza con il volo per l'europa. Morale della favola, per raggiungere Qaanaaq (Thule) sono necessari un minimo di 3 giorni per l'andata e 3 giorni per il ritorno, pernottando una notte a Copenhagen ed una notte ad Ilulissat.

Decido quindi di trasformare la "scomodita'" in "opportunita'", fermandomi 2 notti a Copenhagen per visitare la citta', nonche' 4 notti in piu' ad Ilulissat per un bel giro con i cani da slitta sopra un vicino ghiacciaio spento.

Tutti i voli sono stati operati dalla Air Greenland (vedere http://www.airgreenland.com) e possono essere acquistati attraverso il sito web della compagnia aerea. I prezzi sono molto elevati e si consiglia di prenotare tutto parecchi mesi prima della partenza.

 

INFORMAZIONI COPENHAGEN:

E' una citta' carina, con diverse cose da vedere. Un paio di giorni sono normalmente piu' che sufficienti. Ho pernottato in un ostello (http://www.danhostel.dk) a circa 900 metri dalla stazione ferroviaria principale di Copenhagen, al prezzo assurdo di 27 Euro a notte per un letto in una camerata da 8 persone (consiglio vivamente di spendere qualche euro in piu', ma prendendo magari un Bed and Breakfast al centro). L'aeroporto e' collegato con la citta' tramite un treno che opera frequentemente a tutte le ore del giorno e della notte; la corsa dura meno di 20 minuti ed il prezzo del biglietto e' simile a quello delle ferrovie italiane. Per chi volesse solo proseguire per la Groenlandia senza andare a dormire in centro, esiste un albergo Hilton (costoso) adiacente all'aeroporto; un "bed & bath" dentro il terminal 3 dell'aeroporto (vedere http://www.cph.dk) ed un bed & breakfast raggiungibile a piedi dal terminal 3 (per il quale purtroppo non trovo piu' il sito web).

La mia pagina web su Copenhagen: Viaggio in Danimarca a Copehnagen e Billund (Legoland)

 

INFORMAZIONI ILULISSAT:

Una vera perla nell'artico, con moltissime opportunita' in tutti i mesi dell'anno per escursioni che possono soddisfare gli interessi piu' diversi. Ho pernottato 2 notti in ostello (vedere http://www.ilulissathostel.dk/) avente piccole stanze singole o doppie, bagno in comune e prezzo relativamente conveniente (considerando lo standard del luogo); 3 notti nell' hotel Icefiord (vedere http://www.hotelicefiord.gl/), un 3 stelle di discreta qualita', ma costoso; 2 notti le ho invece trascorse in un rifugio durante un tour con la slitta.

Per la clientela italiana (e non solo) consiglio vivamente anche il seguente tour operator: http://www.touristnature.com/ dove si parla perfettamente Italiano, oltre a diverse altre lingue e che oltre alle eventuali escursioni ad Ilulissat, può prenotarvi anche il pernottamento.

La mia pagina web su Ilulissat: Viaggi ad Ilulissat in Groenlandia

 

INFORMAZIONI QAANAAQ:

L'ultima frontiera... la base ideale per brevi o lunghe spedizioni polari. Nel distretto di Qaanaaq ho partecipato ad una lunga spedizione con la slitta trainata dai cani (6 giorni 5 notti) organizzata dalla Topas, una agenzia di Copenhagen il cui sito web e' il seguente: http://www.go2greenland.com

A Qaanaaq il turismo e' ancora poco sviluppato. Le guide non sono dei professionisti del settore del turismo, ma sono cacciatori che come secondo lavoro accompagnano i turisti, entusiasti di mostrare le bellezze paesaggistiche del loro paese e di trasmettere la loro cultura. Non mi dilungo su come il tour viene svolto, in quanto nelle pagine contenenti le foto ci sono tutte le informazioni relative agli spostamenti ed ai pernottamenti.

Per chi volesse organizzarsi un viaggio fai da te a Qaanaaq, questo e' il link all' Hotel Qaanaaq, l'unico albergo presente, dove il titolare puo' dare una mano ad organizzare le escursioni. Vedere http://www.hotelqaanaaq.dk/

 

CLIMA E TEMPERATURE IN GROENLANDIA:

Durante il mio viaggio ho trovato tempo splendido per 14 giorni su 15, con sole splendente a tutte le ore del giorno e della notte, ma non credo che queste condizioni siano comuni, in quanto nei miei precedenti viaggi nell'artico ho trovato sempre situazioni ben diverse. La temperatura e' oscillata tra -20 e qualche grado sopra lo zero. Le condizioni del ghiaccio non erano ottimali in quanto la banchisa era poco estesa (il fenomeno peggiora gravemente ed in modo molto preoccupante di anno in anno a causa del riscaldamento globale).

 

ABBIGLIAMENTO - COME VESTIRE IN GROENLANDIA?

Volete andare in Groenlandia ma avete paura del freddo? Con i moderni indumenti tecnologici non esiste alcun problema, infatti, per l' abbigliamento, ho utilizzato la Himalayan Suit di The North Face, particolarmente utile quando la temperatura e' molto bassa e si sta fermi sopra la slitta trainata dai cani (per camminare, anche a -20, risulta forse eccessivamente calda). Per ulteriori informazioni su questa tuta, vedere la mia pagina informativa relativa al viaggio in Siberia.

Per chi non fosse cosi' ben attrezzato, generalmente e' possibile noleggiare sul posto abiti in pelle di foca, che tuttavia non forniscono la stessa protezione assicurata dalla Himalayan Suit di The North Face.

 

COME FOTOGRAFARE SENZA PROBLEMI ALLE BASSE TEMPERATURE?

Ho utilizzato una Panasonic DMC-FZ20. Per informazioni dettagliate sulle performance alle basse temperature di questa fotocamera digitale, vedere la pagina informativa relativa al mio viaggio in Siberia.

Oltre a quanto detto nella pagina prima suggerita, consiglio di fare il bilanciamento del bianco manualmente inquadrando una zona completamente ricoperta di neve, ripetendolo a varie ore del giorno o se le condizioni di luce dovessero variare (esempio, esce momentaneamente il sole). Questa operazione previene fastidiose ed antiestetiche dominanti colorate sulla neve (esempio neve blu), che invece deve risultare bianca candida come la vediamo nella realta'.

Inoltre, consiglio di sovraesporre manualmente di almeno 1/3 di stop (a volte anche 2/3) per accentuare il candore della neve, evitando che quest'ultima risulti grigia.

Non ho usato alcun tipo di filtro e non ho aumentato la saturazione dei colori manualmente (cosa piuttosto pericolosa quando si fotografa la neve).


° ° °

° ° °

Indietro - Altri Viaggi

Informazioni e guida di viaggio

Contatti | Chi siamo | Informativa privacy


Questo sito e' protetto da copyright, si prega di contattare gli autori prima di riutilizzare il materiale in esso presente. Tutte le fotografie sono degli autori, salvo dove espressamente indicato.